''6 giugno, il giorno di Poggio Imperiale''. La Fortezza di Poggibonsi si immerge nel '500. Dopo il taglio del nastro living history con 60 rievocatori e cena narrata

Sessanta rievocatori in abiti storici, manovre militari, scontri fanti-cavalieri, servizi di pattugliamento, una cena narrata ''nel 500''. Tutti momenti che compongono ''Il giorno di Poggio Imperiale'' con cui sabato 6 giugno si inaugura il restauro della Fortezza Medicea di Poggibonsi

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Sessanta rievocatori in abiti storici, manovre militari, scontri fanti-cavalieri, servizi di pattugliamento, una cena narrata "nel 500". Tutti momenti che compongono "Il giorno di Poggio Imperiale" con cui sabato 6 giugno si inaugura il restauro della Fortezza Medicea di Poggibonsi.

«Il programma di iniziative inaugurali si sta componendo - dice l'assessore alla Cultura - forte del coinvolgimento di tante associazioni che fin da ora ringraziamo. "Il giorno di Poggio Imperiale" vuole essere occasione di mostrare i lavori di valorizzazione del complesso (oltre 1300 metri di mura) liberato dalla vegetazione, con le porte di nuovo visibili e il sistema di camminamenti dotato di panchine e illuminazione destinati al pubblico. Vuole essere anche occasione per mostrare le potenzialità di questo splendido luogo».

Living history "La Fortezza al suo tempo"

Ed ecco che la prima delle due giornate inaugurali sarà un vero e proprio tuffo nel 500 con l'intera Fortezza che verrà riportata nel suo tempo con attività di living history a cui il pubblico potrà volontariamente partecipare, mentre il Cassero vedrà la presenza degli artigiani di Archeotipo effettuare i vari mestieri in attesa della cena narrata «A tavola nel 1500». «La Fortezza - spiega Marco Valenti, direttore scientifico del Parco Archeologico - si propone come uno scenario ideale per emergere nel panorama italiano della rievocazione multi epoca. L'Archeodromo di Poggio Imperiale con le sue esperienze di archeologia sperimentale e di storytelling ne è già una prova. In quest'occasione la Fortezza tornerà nel XVI secolo, con l'apporto di oltre 60 rievocatori tra i migliori nel loro campo. Tre sono le compagnie principali coinvolte, ognuna di esse perfetta negli abiti, nelle armi e armature, nei movimenti dell'epoca che rievocano».

Si tratta di:
La Compagnia dell'Aquila Bianca, capitanata da Roberto Cinquegrana, presidente AAEE (Associazione Alta Scuola Spagnola), si occupa prevalentemente di formazione cavalleresca attraverso stage di scherma medievale da combattimento e con la partecipazione ai migliori tornei nazionali e internazionali.

La Commenda Maladense, capitanata da Gualtiero De Françani, costituita da picchieri e fanteria di grande livello, esperti nelle manovre di battaglia e nell'arte della scherma antica. Ha partecipato a numerosi eventi di alto livello, sono estremamente curati e le loro dimostrazioni hanno un valore didattico eccezionale. Compongono un'unità di fanteria insieme ad altri gruppi tra i quali Stratagemata, I Cavalieri del Drago, Cinquedea, Compagnia de lo Santo Luca e la Compagnia della Fenice.

La Compagnia Giovanni delle Bande Nere, anch'essa di alto tenore, è legata alla sede di Firenze dell'Istituto per lo Studio della Scherma Antica "Sala d'Arme Achille Marozzo".

Cena narrata "A tavola nel 1500"

La cena nella Piazza d'Armi del Cassero si basa su gustose portate tipiche di età rinascimentale ed è curata dalle associazioni Started e La Ginestra. Si terrà in un'atmosfera immersiva alla presenza attiva di tutti i rievocatori presenti. Gli archeologi del parco, vestiti con abiti dell'epoca, presenteranno i piatti e ne illustreranno la storia e i segreti, con sorprese che non mancheranno. In tavola crostini con spuma di fichi e noci, cappelletti alla Cortigiana, pollo finocchiato con contorno di pasticcio di erbe, torta di riso dolce, Chianti dei Colli Senesi, acqua, vino speziato. Il costo è di 30 euro (bambini sino a 10 anni gratuita). Prenotazione entro giovedì 4 giugno a: 338 7390950 - 0577 936128 - info@parco-poggibonsi.it

Pubblicato il 21 maggio 2015

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su