25esimo anniversario della scomparsa di Stefano Lotti, il ricordo di Uliano Vettori: «E' l'onda che torna fino a noi senza pausa»

Vettori: ««Un cronista, con animo poetico, ricordando Stefano Lotti, ha sintetizzato con una frase lapidaria la data del 28 febbraio: ''E' l'onda che torna fino a noi senza pausa''. Ricordare quella data, è la tristezza il primo pensiero che ti avvolge la mente, ma è anche il giorno in cui, con emozione, ti trovi ad onorare la memoria di un caro ragazzo»

Commenti 1
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Quest'anno il 25° anniversario dalla tragica scomparsa di Stefano Lotti, un contributo di Uliano Vettori, all'epoca allenatore del Poggibonsi e una delle figure più attive nel mantenere vivo il ricordo del centrocampista giallorosso.

«Un cronista, con animo poetico, ricordando Stefano Lotti, ha sintetizzato con una frase lapidaria la data del 28 febbraio: "E' l'onda che torna fino a noi senza pausa". Ricordare quella data, è la tristezza il primo pensiero che ti avvolge la mente, ma è anche il giorno in cui, con emozione, insieme a giovani e meno giovani, ti trovi ad onorare la memoria di un caro ragazzo. Sono trascorsi venticinque anni, "un quarto di secolo"!. Potrebbe sembrare un'eternità. In questo caso è sbagliato usare il condizionale. La realtà dice che tutto è molto attuale, perché "l'onda torna da noi senza pausa" e coinvolge con l'aiuto del tempo le nuove generazioni di sportivi, che hanno da sempre a cuore i personaggi, le vicende, la storia del quasi novantenne sodalizio giallorosso. E' bello constatare che tanti ragazzi che a quell'epoca non erano ancora nati o giovanissimi, sentirsi impegnati nel ricordo del ricordo del ragazzo di Madonna dell'Acqua, e farne valoroso esempio della loro passione sportiva. E' loro impegno la cura del giardino all'interno dello stadio, dopo averne dato un significato storico. Curano con ammirevole simpatia i rapporti con la famiglia, con gli amici di Stefano, sollecitano con tempestività l'impegno della società e dell'amministrazione comunale, perché la data del 28 febbraio non cada mai nell'oblio. Prendiamo atto che quest'anno ci saranno più iniziative per ricordare l'evento. Oltre alla rituale cerimonia religiosa e l'incontro associativo con gli amici di Stefano, è prevista una rappresentanza di sportivi in visita al Cimitero di Madonna dell'Acqua. La società, nella gara del 3 marzo (con il Pontedera) dedicherà un omaggio floreale, che sarà deposto dai capitani delle squadre al cippo commemorativo all'interno dello stadio. Successivamente, nel periodo primaverile, l'Us Poggibonsi titolerà un torneo Giovanissimi nel nome di Stefano. Lui, che nel quotidiano amava silenzio e semplicità. Tutto questo movimento avrà il potere di strappargli un bonario sorriso ma, siamo certi, che dopo il primo momento di stupore chiamerà vicino a sé Paolo e Moreno, amici indimenticabili, e in questa giornata "tutta giallorossa" ci aiuteranno a ricordare tutte quelle persone non più presenti, ma che a suo tempo, da sportivi, da dirigenti, da atleti, hanno continuato con amore e passione ad onorare per tanti anni la storia di questa gloriosa Società».

Uliano Vettori

Pubblicato il 28 febbraio 2013

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Commenti

  1. Avatar
    marco 01/03/2013

    NON
    non ci può essere ricordo più bello di quello di Uliano Vettori.

Lascia un commento

Torna su