A San Gimignano inaugura "Il banale quotidiano", la mostra degli studenti con Gloria Pasotti

L’inaugurazione sarà lunedì 3 aprile alle 16.30 presso la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Raffaele De Garda” e la mostra sarà visitabile fino al 1 maggio dalle 10.00 alle 19.30

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

A San Gimignano inaugura "Il banale quotidiano", la mostra degli studenti con Gloria Pasotti 

 

Soffermarsi su quei dettagli che abitano normalmente il nostro spazio visivo fino a non parlarci più. Raccontare le cose più piccole e vicine a noi, perché anche nel minuscolo e nell'insignificante si riflettono in ordini invisibili. Diventare autori dell'inutile, senza il quale le cose perdono il loro sapore. Superare le leggi della fisica e la forza di gravità, rivelare l'invisibile al visibile. E’ questo il concept de "Il banale quotidiano", la mostra fotografica degli studenti che hanno lavorato con la giovane artista e fotografa Gloria Pasotti.

L’inaugurazione sarà lunedì 3 aprile alle 16.30 presso la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Raffaele De Garda” e la mostra sarà visitabile fino al 1 maggio dalle 10.00 alle 19.30.

L'esposizione è un progetto a cura dell'Associazione Culture Attive - sostenuto dal Comune di San Gimignano nell'ambito di "Un paese per giovani" a coronamento di Fenice Contemporanea 2016 - ed è il risultato del workshop Interferenze, tenutosi a San Gimignano nel dicembre 2016 a cui hanno partecipato gli studenti delle scuole medie inferiori e superiori della Val d'Elsa. Un laboratorio della durata di 2 giorni con la giovane fotografa Gloria Pasotti grazie al quale i ragazzi si sono avvicinati all'utilizzo artistico della fotografia ragionando sui temi del quotidiano, del banale e della noia.  “L’obiettivo del workshop e della mostra - ha spiegato Gloria Pasotti - è indagare il nostro quotidiano più vicino e il già visto, avventurarsi nella propria vita quotidiana e rappresentarla con un approccio enigmatico. Soffermarsi sugli aspetti effimeri del reale, sulle domande impossibili, sulle tensioni magiche che sono nascoste in ogni cosa e che aspettano di essere liberate. Superare le leggi della fisica e la forza di gravità, rivelare l'invisibile al visibile”. Durante il workshop Gloria Pasotti ha mostrato ai 35 studenti coinvolti nel progetto il suo lavoro e quello di altri artisti contemporanei del panorama nazionale e internazionale che hanno puntato  lo sguardo sul tema del meraviglioso intorno a sé, del viaggio rimanendo fermi e del sogno a occhi aperti. Poi sono stati gli stessi studenti a produrre fotografie sia della realtà che li circonda, che di particolari quotidiani e domestici che li hanno incuriositi; alcuni di loro hanno interagito con l'obiettivo, utilizzando oggetti e il proprio corpo, in una vera azione performativa. Grazie all'ingrandimento, al taglio e alla postproduzione delle immagini, con la supervisione di Gloria Pasotti, il risultato delle due giornate si è concretizzato in una serie di piccole e grandi stampe di 2x1,40m e un video che saranno visibili nella Sala Didattica della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Raffaele De Garda”.

Pubblicato il 31 marzo 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su