Ai Soliti Ignoti la colligiana esperta di grappa Paola Soldi

La trasmissione condotta da Amadeus ha visto tra i protagonisti Paola Soldi, presidente federale di Anag, Assaggiatori grappa e acquaviti dal 2014 dopo aver guidato per diversi anni l’associazione regionale di Anag Toscana. Nella trasmissione di Amadeus, Paola Soldi è stata abbinata all'ignoto che “degusta grappe” e ha portato davanti alle telecamere il calice utilizzato per le degustazioni e la valigetta con i bicchieri che viene consegnata agli assaggiatori

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

C’era anche una concorrente colligiana di nascita e fiorentina di adozione nella puntata dei “Soliti Ignoti” andata in onda ieri, domenica 4 febbraio su Rai1 prima del Tg. La trasmissione condotta da Amadeus ha visto tra i protagonisti Paola Soldi, presidente federale di Anag, Assaggiatori grappa e acquaviti dal 2014 dopo aver guidato per diversi anni l’associazione regionale di Anag Toscana. Nella trasmissione di Amadeus, Paola Soldi è stata abbinata all’ignoto che “degusta grappe” e ha portato davanti alle telecamere il calice utilizzato per le degustazioni e la valigetta con i bicchieri che viene consegnata agli assaggiatori Anag durante il loro corso di primo livello.

Paola Soldi, nata a Colle di Val d’Elsa e residente a Signa, ha maturato una profonda passione e conoscenza per il mondo della grappa e dei distillati che l’ha portata a guidare l’associazione che riunisce assaggiatori di grappa e acquaviti esperti e qualificati in tutta Italia. La sua esperienza in Anag è iniziata prima come assaggiatrice e, poi, come presidente dell’associazione regionale della Toscana prima di essere nominata presidente federale nel maggio 2014. Ruolo in cui è stata confermata nel giugno 2017 e con il quale si prepara ad accompagnare i primi 40 anni di Anag, che ricorrono quest’anno con numerose iniziative in preparazione.

Pubblicato il 5 febbraio 2018 (modifica il 5 febbraio 2018 | 15:04 )

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su