Banca Mps, Giuseppe Mussari confermato alla presidenza per i prossimi tre anni. Rinnovato il Cda

Giuseppe Mussari è stato confermato presidente della Banca Monte dei Paschi di Siena. Approvato dall'assemblea del soci di Banca Mps, a larghissima maggioranza, il bilancio di esercizio e il consolidato al 31 dicembre del 2008. Un bilancio da cui emerge un utile netto consolidato ante imposte di circa 1120 milioni e di 953 milioni post imposte

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Giuseppe Mussari è stato confermato presidente della Banca Monte dei Paschi di Siena, dopo il voto dell'assemblea di Mps che si è svolta ieri a Siena.

Il Cda - Per il nuovo CdA, che viene portato da 10 a 12 membri, sono stati eletti Giuseppe Mussari, Ernesto Rabizzi, Fabio Borghi, Graziano Costantini, Alfredo Monaci e Andrea Pisaneschi, indicati dalla Fondazione. Confermati Francesco Gaetano Caltagirone, Turiddo Campaini, Lorenzo Gorgoni e Carlo Querci, consiglieri uscenti ed eletto Massimiliano Capece Minutolo. Entra poi in CdA Axa, con Frederic Marie de Courtois d'Arcollieres, amministratore delegato di Axa Mps Assicurazioni Vita.

Auguri a Mussari per la rielezione per i prossimi tre anni sono giunti dal presidente del Consiglio regionale, Riccardo Nencini. "La conferma di Mussari – ha detto - segna un tratto forte di continuità per la Banca senese (alla quale il Consiglio regionale ha assegnato il Gonfalone d'argento in occasione della Festa della Toscana 2008) che rappresenta un pilastro dell'economia regionale e nazionale. Sotto la guida di Mussari, il Monte dei Paschi - questo l'augurio di Nencini - potrà confermarsi fattore fondamentale nella indispensabile ripresa dell'economia toscana".

Il Bilancio d'esercizio - Approvato dall'assemblea del soci di Banca Mps, a larghissima maggioranza, il bilancio di esercizio e il consolidato al 31 dicembre del 2008. Un bilancio da cui emerge un utile netto consolidato ante imposte di circa 1120 milioni e di 953 milioni post imposte. L'assemblea ha approvato anche la distribuzione di un dividendo di 0,0013 euro ad azione ordinaria. Lo stacco della cedola avverrà il 18 maggio, il pagamento il 21 maggio. Secondo il presidente Giuseppe Mussari nel 2008 il gruppo "ha proseguito nel suo stabile cammino, forte dei risultati conseguiti nel proprio core business, che poi niente altro è, se non quello di fare banca, cioè di operare attraverso una struttura efficiente per intermediare il credito e offrire servizi a vero valore aggiunto per la clientela". Mussari ha aggiunto che il resoconto dei fatti e dei numeri aziendali "non può non partire dal sottolineare l'avvenuto completamento del percorso di riorganizzazione societaria del Gruppo con la creazione del terzo polo bancario italiano attraverso l'integrazione della Banca agricola mantovana, Banca Antoveneta, e Banca Toscana, la rifocalizzazione della Nuova Bav sull'area del Nord est ed il forte efficientamento delle strutture centrali, passate da cinque ad una, quella di BMps , più due direzioni estremamente snelle per Nuova Antonveneta e Biverbanca. Tutto ciò - ha puntualizzato Mussari - è stato realizzato tutelando il radicamento nelle zone di insediamento dei marchi".

Pubblicato il 1 maggio 2009

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su