Bellavista, occupata abusivamente una casa per spaccio. Arrestata giovane coppia

I due, pregiudicati, alcune settimane fa avevano forzato la serratura della casa popolare e una volta sostituito il cilindretto vi si erano stabilmente trasferiti allacciandosi abusivamente anche al contatore dell’acqua e usandola come vero quartier generale per lo spaccio di droga in Val d’Elsa. Una volta ricostruita l’intera vicenda i Carabinieri hanno provveduto a riconsegnare nella disponibilità della società proprietaria l’abitazione e trarre in arresto la coppia, i quali sono stati trasferiti a disposizione delle rispettive Autorità Giudiziarie presso il carcere minorile di Firenze e la casa circondariale di Siena

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

I Carabinieri della Stazione di Poggibonsi erano a conoscenza che in via Romana nella frazione di Bellavista un appartamento di proprietà della società  Siena Case spa era stato occupato abusivamente da una giovane coppia proveniente dalla Campania.

Dopo una serie di indagini e accertamenti, ieri mattina i militari sono entrati in azione effettuando una perquisizione domiciliare.

Alla vista dei militari M.A. di anni 23 e E.G. di anni 17 hanno posto resistenza e minacciato i Carabinieri tanto che la ragazza minorenne è arrivata persino ad usare violenza nei confronti di un Maresciallo, scagliandosi contro quest’ultimo con calci e pugni.

Nel corso della perquisizione sono stati rinvenuti circa 1 kg di sostanza stupefacente del tipo marijuana custodita all’interno di alcuni involucri in cellophane, unitamente ad un bilancino di precisione e danaro in contante per circa 1000 euro di cui i due giovani non sapevano fornire la provenienza, oltre ad un telefono Iphone risultato provento di furto nelle Marche.

I due partenopei, che nonostante la giovane età risultano pregiudicati, alcune settimane fa avevano forzato la serratura della casa popolare e una volta sostituito il cilindretto vi si erano stabilmente trasferiti allacciandosi abusivamente anche al contatore dell’acqua e usandola come vero quartier generale per lo spaccio di droga in Val d’Elsa.

Una volta ricostruita l’intera vicenda i Carabinieri hanno provveduto a riconsegnare nella disponibilità della società proprietaria l’abitazione e trarre in arresto la coppia, i quali sono stati trasferiti a disposizione delle rispettive Autorità Giudiziarie presso il carcere minorile di Firenze e la casa circondariale di Siena.

Pubblicato il 14 novembre 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su