Colle di Val d'Elsa, riposizionata la scultura donata ai Carabinieri nel 1997 da Pietro Panichi

A Colle di Val d’Elsa, presso la sede del Comando dei Carabinieri, è stata ripristinata l’originaria posizione della scultura che, nel 1997, era stata donata all’Arma dall’artista colligiano Pietro Panichi, rimossa anni addietro in occasione dei lavori di riqualificazione di Piazza Arnolfo di Cambio

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

A Colle di Val d’Elsa, presso la sede del Comando dei Carabinieri, è stata ripristinata l’originaria posizione della scultura che, nel 1997, era stata donata all’Arma dall’artista colligiano Pietro Panichi, rimossa anni addietro in occasione dei lavori di riqualificazione di Piazza Arnolfo di Cambio.

La ricollocazione dell’opera, al fianco del portone di ingresso della Caserma, è avvenuta a seguito di un’azione operata in sinergia tra l’Arma dei Carabinieri, le Amministrazioni Provinciale di Siena e Comunale di Colle di Val d’Elsa. 

Per l'occasione erano presenti Fabio Lisi, il Geometra Carlo D’Abrosca, entrambi dell’Amministrazione Provinciale, il Comandante della Stazione Carabinieri di Colle di Val d’Elsa, Maresciallo Luigi Polimanti, l’autore Pietro Panichi, con il figlio Alessio e Paolo Molfese, dell’Amministrazione Comunale di Colle di Val d’Elsa.

L’opera, un bassorilievo scolpito su di un blocco in travertino di colore bianco, raffigura la Porta Nova e i suoi bastioni, che cingono al loro interno il simbolo colligiano della testa equina, unita nelle forme alla fiamma dell’Arma dei Carabinieri, tanto a rappresentare la vicinanza tra quest’ultima e la Città di Colle di Val d’Elsa.

Pubblicato il 14 novembre 2016

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su