Corri per i'Tibe, a Certaldo la prima passeggiata di beneficenza ricordando Tiberio Bartalini

La partenza è prevista alle ore 9.30 da Piazza Boccaccio per poi salire verso Certaldo Alto e via fino al Parco di Canonica dove, ai bracieri, sarà allestito un piccolo punto ristoro. Uscendo dal parco, la corsa prosegue risalendo di nuovo in Certaldo Alto e da via Boccaccio fino a via Roma per poi concludersi in Piazza Boccaccio

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Domenica 1° ottobre 2017, a quasi un anno dalla sua improvvisa e tragica scomparsa avvenuta durante un'escursione in bicicletta il 15 ottobre 2016, si terrà la prima corsa/passeggiata non competitiva di 8km in memoria di Tiberio Bartalini.

La partenza è prevista alle ore 9.30 da Piazza Boccaccio per poi salire verso Certaldo Alto e via fino al Parco di Canonica dove, ai bracieri, sarà allestito un piccolo punto ristoro. Uscendo dal parco, la corsa prosegue risalendo di nuovo in Certaldo Alto e da via Boccaccio fino a via Roma per poi concludersi in Piazza Boccaccio.

É possibile pre-iscriversi da subito chiamando il numero 331.4329562 o 347.5372038 oppure iscriversi dalle ore 8.30 del giorno 1°ottobre in Piazza Boccaccio. La quota di partecipazione è di 8 euro comprensiva di maglietta celebrativa (fino ad esaurimento). La maratona è organizzata dalla famiglia e dagli amici di Tiberio con il supporto della Croce Rossa Italiana di Certaldo, alla quale verrà devoluto l'intero ricavato dell'evento, che servirà a finanziare, in parte, l'acquisto di una nuova ambulanza, sulla quale verrà poi apposto il nome di Tiberio. L'iniziativa ha il patrocinio di Comune di Certaldo ed è realizzata col contributo di Banca Cambiano 1884, Macron store, Italconf.

«Invitiamo a partecipare tutti quelli che conocevano Tiberio e tutte le persone che amano lo sport, ma anche chi non lo conosceva e vuole condividere con noi la voglia di stare insieme per una buona causa – dicono i figli Elisa e Guido e la moglie Chiara –. Tiberio amava lo sport, lo stare insieme per socializzare ed essere utili al prossimo. Ed era una persona che se aveva un acciacco, stringeva i denti e non si fermava mai: questa iniziativa sarà davvero una bellissima occasione per ricordarlo».

Pubblicato il 27 settembre 2017 (modifica il 27 settembre 2017 | 13:15 )

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su