Detenuti ai fornelli nel carcere di Ranza per un pranzo ‘oltre le sbarre’

Detenuti chef per un giorno, per portare fuori dal carcere gusto e creatività in cucina. L'iniziativa vedrà protagonisti, martedì 16 maggio, venti studenti del circuito di Alta Sicurezza della Casa di reclusione di Ranza, a San Gimignano, che frequentano la sede carceraria dell’Istituto Enogastronomico di Colle Val d’Elsa, indirizzo dell’Istituto d’Istruzione superiore statale “Bettino Ricasoli” di Siena. I detenuti - alunni delle classi III, IV e V C - prepareranno un pranzo per 80 persone all'interno della Casa di reclusione, portando in tavola antipasti, primi e secondi piatti e dessert

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Detenuti chef per un giorno, per portare fuori dal carcere gusto e creatività in cucina. L'iniziativa vedrà protagonisti, martedì 16 maggio, venti studenti del circuito di Alta Sicurezza della Casa di reclusione di Ranza, a San Gimignano, che frequentano la sede carceraria dell’Istituto Enogastronomico di Colle Val d’Elsa, indirizzo dell’Istituto d’Istruzione superiore statale “Bettino Ricasoli” di Siena. I detenuti - alunni delle classi III, IV e V C - prepareranno un pranzo per 80 persone all'interno della Casa di reclusione, portando in tavola antipasti, primi e secondi piatti e dessert.

L’iniziativa, intitolata ‘Insieme con gusto’ e promossa dalla Casa di reclusione di Ranza e dall’Istituto d’Istruzione superiore statale “Bettino Ricasoli” di Siena, si pone come prima occasione aperta al territorio per offrire ai detenuti-studenti della sede carceraria dell’Istituto “Bettino Ricasoli” di Siena la possibilità di riscattarsi idealmente attraverso la cucina. L’appuntamento segue la recente apertura del blog ‘Scriviamo…con gusto’, scriviamocongusto.wordpress.com, che raccoglie ricette e riflessioni degli studenti delle cinque classi dei regimi di Media e Alta Sicurezza sviluppando ogni mese un tema diverso e aprendosi al confronto con il mondo esterno per condividere esperienze e attività della scuola ‘dietro le sbarre’.

La sede carceraria dell’Istituto “B. Ricasoli”. Dall’anno scolastico 2014-2015 l’Istituto “B. Ricasoli” di Siena, a seguito del protocollo di intesa tra i Ministeri dell’Istruzione e della Giustizia siglato il 23 ottobre 2012, ha rivisto i percorsi curricolari della sede carceraria, dove era già presente da alcuni anni, e migliorato i percorsi di formazione e le metodologie didattiche. A unire tutte le attività e le iniziative, è l’obiettivo di valorizzare le potenzialità e le capacità degli studenti reclusi con momenti didattici e laboratori dedicati alla cucina. 

Pubblicato il 13 maggio 2017 (modifica il 19 maggio 2017 | 15:40 )

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su