Droga, arrestato poggibonsese. Decine le perquisizioni eseguite

I provvedimenti delegati dall'A.G. sono il frutto di una pregressa attività d’indagine effettuata dal Nucleo Operativo della Compagnia di Poggibonsi. In campo oltre 30 militari, che grazie al fiuto di “Batman” il cane antidroga dei Carabinieri, sono riusciti a sequestrare sostanze stupefacenti a carico di alcuni degli indagati e trarre in arresto R. A. classe 1987 di Poggibonsi, pluripregiudicato, il quale alla vista dei militari ha cercato di disfarsi, gettandole nel water, di alcune bustine contenenti cocaina, ma che grazie al tempestivo intervento di un maresciallo sono state recuperate

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

I Carabinieri della Compagnia di Poggibonsi, coadiuvati dalle unità cinofile di Firenze, dalle prime ore di questa mattina hanno eseguito su disposizione della Procura della Repubblica di Siena, molte perquisizioni domiciliari nei confronti di individui ritenuti responsabili di traffico, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

I provvedimenti delegati dall’A.G. sono il frutto di una pregressa attività d’indagine effettuata dal Nucleo Operativo della Compagnia di Poggibonsi. In campo oltre 30 militari, che grazie al fiuto di “Batman” il cane antidroga dei Carabinieri, sono riusciti a sequestrare sostanze stupefacenti a carico di alcuni degli indagati e trarre in arresto R. A.  classe 1987 di Poggibonsi, pluripregiudicato, il quale alla vista dei militari ha cercato di disfarsi, gettandole nel water, di alcune bustine contenenti cocaina, ma che grazie al tempestivo intervento di un maresciallo sono state recuperate.

A carico del predetto, sono state sequestrate anche alcune piante di marijuana alte 2 metri per un peso complessivo di oltre 2 kg, rinvenute all’interno della propria abitazione. R.A. è stato immediatamente accompagnato presso la casa circondariale di Siena a disposizione della Procura della Repubblica.

Pubblicato il 21 settembre 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su