Ferie delle Messi a San Gimignano, i Cavalieri di Santa Fina rievocano le tradizionali “Ferie Messium” con tanti eventi

Si sono svolti i primi due giorni delle Ferie delle Messi a San Gimignano, oggi, domenica 18 giugno il gran finale con la benedizione, il corteo e la giostra dei bastoni. Tanti gli spettacoli nella città turrita

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Si sono svolti i primi due giorni delle Ferie delle Messi a San Gimignano, oggi, domenica 18 giugno il gran finale con la benedizione, il corteo e la giostra dei bastoni. Tanti gli spettacoli nella città turrita

La mattina in piazza del Duomo si svolge il secondo rito di preparazione alla Giostra dei Bastoni: il Rito della Purificazione, nel quale il ministro di Dio benedice i cavalli e il pubblico, seguito dal saluto del Podestà alle contrade e il saluto del Primo Cittadino.

Alle 12.30 in Piazza Duomo, esibizione di Gruppo Tamburi, Bandiere e Chiarine dei Cavalieri di Santa Fina. Al termine, in cammino verso la Rocca dove fra gli odori dei deschi apparecchiati nella Taverna della Meraviglie, s’imparerà l’arte di ben condurre falchi e rapaci reali.

Alle 14.30 alla Rocca di Montestaffoli si svolgerà la gara fra gli arcieri delle Quattro Contrade dei Cavalieri di Santa Fina
Alle 15.00 in Piazza Duomo spettacolo la partencipazione della Fanfarenzug di Meersburg e dell’Ensemble Medioevo in Danza.

Alle 16.00 Sfilata ed esibizione degli Sbandieratori della Città dell’Aquila da Via San Matteo verso Piazza Duomo.
Alle 16.30 voli di falchi con strategie di caccia a cura della Falconeria Maestra in Piazza Duomo

Alle 17.00, da Porta San Matteo a Porta San Giovanni e al Parco della Rocca, si svolgerà oò Corteo delle Messi. Il Corteo delle Messi, composto da circa 500 figuranti che seguiranno Flora, la Regina della Primavera, assisa su un carro trainato da buoi. 18.00 – Parco della Rocca

Alle 18.00 al Parco della Rocca sarà il momento della Giostra dei Bastoni – Una corsa mozzafiato per essere i primi a colpire. Una gara avvincente, a tratti anche pericolosa tra i cavalieri delle quattro Contrade, il cui scopo è colpire per primo, al termine del percorso, un elmo sorretto su un palo per mezzo di un bastone, in dotazione ad ogni cavaliere.

Alle 19.30 il Podestà consegna al Cavaliere vincitore la Spada d’Oro, l’ambito premio conteso nella Giostra dei Bastoni, e alla Contrada vincitrice il Drappellone raffigurante Santa Fina e riportante i colori delle quattro Contrade, il logo dei Cavalieri e lo stemma del Comune di San Gimignano.

Pubblicato il 18 giugno 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento