Fratres Castelfiorentino, 50 anni a donare sangue

Domenica 24 settembre una quindicina di gruppi donatori “Fratres” provenienti da tutta la Toscana si riuniranno per un incontro conviviale a Castelfiorentino

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Una grande festa con la Fanfara dei bersaglieri per celebrare il 50° anniversario della fondazione del Gruppo Donatori sangue Fratres “Giuliano Del Chiaro” di Castelfiorentino. Domenica 24 settembre una quindicina di gruppi donatori “Fratres” provenienti da tutta la Toscana si riuniranno per un incontro conviviale a Castelfiorentino allo scopo di rendere omaggio ai cinquant’anni di attività del gruppo castellano, la cui nascita fu fortemente voluta dal compianto Cardinale Piovanelli (all’epoca proposto di Castelfiorentino) scomparso un anno fa.

Il programma delle celebrazioni, aperto alla partecipazione di tutti i cittadini, prevede alle 8.30 il ricevimento delle associazioni ospiti nel salone della Misericordia, cui seguirà (9.30) l’accoglienza della Fanfara dei Bersaglieri del gruppo di Cecina e Lucca: una quarantina di elementi che non mancherà di stupire il pubblico con diversi brani musicali e l’immancabile “corsa” per le vie del paese.

Alle 9.45 è prevista la riunione in Piazza Kennedy con i rispettivi Labari e il corteo in compagnia delle autorità fino a via Volontari del Sangue, di fronte alla lapide dedicata ai donatori del gruppo “Fratres” (opera donata nel 2005 dal prof. Carlo Sassi), dove sarà affissa una ghirlanda e si terrà la benedizione. Dopodiché il Corteo si dividerà: i Labari faranno rientro alla Sede della Misericordia (per dirigersi alla Chiesa di San Francesco) mentre la Fanfara dei bersaglieri proseguirà il suo cammino fino a Piazza Gramsci, dove renderà omaggio ai Caduti di tutte le guerre. I bersaglieri si dirigeranno quindi in via Costituente e via Ridolfi, fino alla “corsa” che scatterà all’altezza del passaggio a livello fino all’entusiasmante arrivo alla Chiesa di San Francesco intorno alle 10.30 (dove è prevista la Santa Messa). Terminata la funzione religiosa, la Fanfara di esibirà quindi in un concerto in Piazza Ulivelli.

Le celebrazioni proseguiranno poi al ristorante “Samarcanda” (zona industriale Malacoda) con gli interventi delle autorità e le premiazioni. Nel dettaglio, saranno consegnate n. 9 croci al merito (per chi ha superato le 65 donazioni), altre 5 croci al merito per confratelli benemeriti, n. 13 medaglie d’oro (50 donazioni), 25 d’argento (25 donazioni), altre 12 medaglie d’argento a confratelli benemeriti, 18 medaglie di bronzo (15 donazioni). A seguire il pranzo conviviale nel ristorante.

«Tutti sono i benvenuti al cinquantesimo anniversario del nostro sodalizio – sottolinea il presidente, Daniele Giomi – per il quale, oltre al ringraziamento nei confronti del Governatore della Misericordia, di Don Alessandro e Don Valentino, dei funzionari confederali e delle autorità civili e militari che interverranno alle celebrazioni di domenica, desidero rivolgere un grazie sincero a tutti i donatori di sangue di ogni associazione, perché ci offrono la possibilità di dare una speranza agli ammalati che attendono con ansia e tanta fiducia. Per questo, non stanchiamoci mai di donare».

«E’ per noi motivo di gioia – sottolinea l’Assessore alla Sanità, Alessandro Tafi – partecipare al 50° anniversario della fondazione del gruppo donatori fratres di Castelfiorentino, che molto ha dato alla nostra comunità in termini di solidarietà e impegno costante per sensibilizzare la popolazione intorno alla necessità di donare sangue, un gesto che non costa nulla e che tutti possono fare presso il nostro Centro Trasfusionale. Una conferma ulteriore della vitalità del nostro tessuto associativo che spesso – e non ci stancheremo mai di ricordarlo – sa esprimere il meglio di sé attraverso tante iniziative nobili, come questa».

Pubblicato il 21 settembre 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su