Fuori Fuoco 2017 per la prima volta a Sovicille: protagonista il tema dell'ambiente

L'ambiente che ci accoglie, con la sua storia e le sue asperità, diventa protagonista nel prossimo appuntamento con il cinema indipendente e d'autore di Fuori Fuoco 2017

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

L’ambiente che ci accoglie, con la sua storia e le sue asperità, diventa protagonista nel prossimo appuntamento con il cinema indipendente e d’autore di Fuori Fuoco - la rassegna promossa da Visionaria con la direzione artistica di Giuseppe Gori Savellini - che per la prima volta fa tappa a Sovicille. Il Museo del Bosco di Orgia farà da teatro naturale alla proiezione di due grandi film, la cui visione è supportata da Estra. 

"Settegiorni" (nella foto in alto) - in programma venerdì 11 agosto alle 21.30 - il secondo lungometraggio di Rolando Colla, indipendente e prolifico autore svizzero. Una proiezione ad ingresso libero anticipata dalla presentazione del libro “Amianto” di Alberto Prunetti con l’autore presente (ore 19.00) e un aperitivo offerto dalla Bottega di Stigliano. “Settegiorni” racconta la storia di Ivan e Chiara. I due si incontrano su un’isola siciliana alla prese con i preparativi del matrimonio del fratello di lui Richard, con la migliore amica di lei, Francesca. Una forte attrazione li travolge e la dimensione del tempo che stanno vivendo non è più soltanto la scansione dei giorni che hanno a disposizione ma diventa lo specchio di un tempo nuovo, misurabile con i parametri del cuore. 

Sabato 12 agosto, invece, sarà la presentazione del libro di Aurore Navarro "I castagneti della Montagnola senese e della val di Merse - Sunto storico dal medioevo ai giorni nostri" sempre alle ore 19.00, seguita dall’aperitivo offerto dai Castanicoltori della Montagnola a fare da introduzione al film "La pelle dell'orso" di Marco Segato in visione alle 21.30. Una pellicola molto intensa interpretata dal drammaturgo e attore Marco Paolini. Sono gli Anni Cinquanta. In un villaggio nel cuore delle Dolomiti vivono Domenico, un ragazzino sveglio ma introverso, e il padre Pietro, un uomo consumato dalla solitudine e dal vino, che per campare lavora alle dipendenze di Crepaz. Il rapporto tra loro è aspro e difficile, i lunghi silenzi li hanno trasformati in due estranei. A farli ritrovare sarà una sfida raccolta da entrambi: dare la caccia a diaol, il diavolo, un orso vecchio e feroce che una notte semina panico nella comunità in cui vivono, ammazzando una vacca dentro una stalla. Immersi nei boschi, padre e figlio, si riavvicinano, si riconoscono e il muro che li separava si sgretola nell’immensità della natura. 

Fuori Fuoco è un progetto di Visionaria realizzato in collaborazione con Comune di San Gimignano, Comune di Castelnuovo Berardenga, Comune di Sovicille, Comune di Monteriggioni, Estra, Polisportiva Vagliagli, Monteriggioni Ad 1213, Premio Mattador, Campo e Controcampo, Santa Chiara Lab e Progetto Prima. 

Pubblicato il 7 agosto 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su