Grande successo per tre artisti toscani alla collettiva internazionale d'arte di CefalÓ

L'evento siciliano, ideato ed organizzato magistralmente dal Cav. Uff. Roberto Guccione nella cornice di un suggestivo castello arabo normanno, ha trasformato CefalÓ Diana in un borgo d'arte invaso per l'occasione da oltre sessanta artisti e da centinaia di visitatori. Grande successo di tre artisti toscani in occasione della Prima Collettiva Internazionale d'Arte a CefalÓ Diana in provincia di Palermo, che si Ŕ svolta nel corso della calda estate siciliana

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Franco Carletti (nella foto), molto conosciuto a Siena, dove vive e lavora come collaboratore presso uno storico studio notarile, ha ricevuto un prestigioso riconoscimento di Benemerenza artistica per "l'alto messaggio artistico denso di contenuti umani e sociali". L'artista senese ha partecipato a numerose manifestazioni con riconoscimenti e premi. Ha esposto alla Milano Art Gallery con Vittorio Sgarbi, a Palazzo Giustiniani a Venezia, a Miami, a Rio de Janeiro, a Londra e attualmente allo Spoleto Festival Art. Una passione per la pittura, quella di Carletti, iniziata da giovanissimo e ripresa negli anni della maturitÓ con ricorrenti accostamenti ai colori e alla magia della sua terra sulla traccia di uno stile figurativo moderno. Carletti Ŕ stato inserito nel catalogo curato da Gianmarco Puntelli, edito da Mondadori per la Mostra nel Palazzo Ducale di Sabbioneta, collegata al prestigioso progetto espositivo itinerante Infinity.

Antonella Lomonaco dopo un percorso di vita da bancaria si Ŕ  dedicata alla pittura partecipando a varie esposizioni collettive e personali  fra cui quella nella Sede del Consiglio Regionale della Toscana, al Museo Archeologico di Firenze, a Londra per una collettiva di artisti italiani e partecipando ad importanti eventi come Arte la Ricerca promosso da Fiorgen per la ricerca sulle malattie genetiche, o Arte e SolidarietÓ per una ludoteca per i figli dei detenuti del carcere di Sollicciano a Firenze. Nel 2015 le viene affidato l'incarico di realizzare il Palio per la Festa Medievale Memoriae et Historiae de Semifonte a Barberino val d'Elsa. Nel corso della manifestazione siciliana le sono stati assegnati Ex Aequo il Terzo Premio per la Pittura oltre al premio della Critica e il Premio Artista dell'Anno "Per l'attenzione dimostrata verso le poetiche della natura e della figura associate alla forza cromatica espressiva.."  

Luciana Palmerini, psicologa e appassionata da sempre di fotografia, ha ricevuto il Primo Premio "Per aver ricreato l'eleganza compositiva utilizzando l'uso affascinante della luce e la coerenza artistica". GiÓ protagonista della mostra fotografica "Tutto il bene del mal d'Africa", nella Sala Scriptorium dell'Abbazia di San Galgano, esprime il suo grande amore per quella terra per mezzo di un vero e proprio reportage che rappresenta la dura realtÓ di vita dei pi¨ dimenticati villaggi africani. Contenuti emozionali  colti  in uno scatto empatico che riesce ad andare oltre uno sguardo o un sorriso mai scontato e che le Ŕ valso il primo premio anche nel corso dell'evento spoletino" Art in the city 2016". Una capacitÓ, quella di cogliere il non visibile, che trae origine sicuramente dalla professione legata agli studi di  filosofia e di  psicologia ai quali  Luciana si Ŕ dedicata e che le forniscono una chiave di lettura privilegiata anche nei confronti della natura che a volte si esprime nelle forme pi¨ affascinanti come nel caso di una articolata ragnatela impreziosita da luminescenti gocce di rugiada.

L'evento siciliano, ideato ed organizzato magistralmente dal Cav. Uff. Roberto Guccione nella cornice di un suggestivo castello arabo normanno, ha trasformato CefalÓ Diana in un borgo d'arte invaso per l'occasione da oltre sessanta artisti e da centinaia di visitatori. Con il contributo degli artisti partecipanti alla Collettiva Ŕ stata inaugurata, nel corso della due giorni dedicata all'arte, una Pinacoteca che il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha accolto con soddisfazione in vista del programma culturale che vedrÓ  nel 2018 Palermo Capitale della Cultura. 

Pubblicato il 25 settembre 2017 (modifica il 25 settembre 2017 | 17:56 )

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su