I lavori del Centro L'Impronta al mercato di Colle di Val d'Elsa

«L’appuntamento di venerdì – spiega Clizia Casini, Responsabile del Centro L’Impronta – è un’occasione che il Comune di Colle Val d’Elsa ci offre per valorizzare le capacità dei nostri ragazzi e raccogliere offerte utili per portare avanti il progetto di un fotoromanzo che ha richiesto grande energia ed impegno da parte di tutti noi. L’obiettivo più importante che caratterizza ogni nostra iniziativa è la possibilità di stare a diretto contatto con la nostra realtà, in un momento di vita quotidiana»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Il lavoro è quasi sempre la migliore terapia. Al Centro di socializzazione per disabili L'Impronta di Colle di Val d'Elsa i ragazzi disabili sono, infatti, protagonisti di un modo diverso di fare integrazione, socializzazione e riabilitazione. L’energia e la voglia di impegnarsi oltre i propri limiti fanno da padrone. E così venerdì 13 ottobre dalle 9.00 alle 12.30 ragazzi e operatori del centro colligiano saranno presenti con un banco al mercato settimanale per esporre e raccogliere fondi con i prodotti realizzati all’interno dei laboratori d’arte. I ragazzi infatti, oltre alle tradizionali attività riabilitative di fisioterapia, logopedia, riabilitazione neuro e psicomotoria, sono impegnati in laboratori artistici, esperienze determinanti per il recupero delle capacità residue e per l’inserimento sociale.

Durante la mostra mercato operatori e utenti del Centro metteranno in vendita oggetti realizzati con tecniche e materiali diversi durante i laboratori di manipolazione e pittura previsti dalla programmazione annuale. Il ricavato della vendita verrà utilizzato per finanziare la stampa e la presentazione al pubblico del fotoromanzo realizzato dai ragazzi e dagli operatori del Centro.

«L’appuntamento di venerdì – spiega Clizia Casini, Responsabile del Centro L’Impronta – è un’occasione che il Comune di Colle Val d’Elsa ci offre per valorizzare le capacità dei nostri ragazzi e raccogliere offerte utili per portare avanti il progetto di un fotoromanzo che ha richiesto grande energia ed impegno da parte di tutti noi. L’obiettivo più importante che caratterizza ogni nostra iniziativa è la possibilità di stare a diretto contatto con la nostra realtà, in un momento di vita quotidiana».

Pubblicato il 11 ottobre 2017 (modifica il 11 ottobre 2017 | 15:28 )

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su