Incendi boschivi, colta in flagrante una donna di Sovicille

«Questo tipo di reato - spiega il Capitano - è compiuto quasi esclusivamente da uomini, la stessa non era in grado di giustificare la sua presenza in quel luogo e dopo alcune domande dirette ha ammesso di essere stata lei ad appiccare il fuoco in entrambi i punti». Vaste zone boschive tra i Comuni di Radicondoli e Chiusdino sono state oggetto di incendi boschivi negli ultimi giorni, l’ultimo proprio domenica scorsa

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

«Alle 20.00 di ieri sera è giunta una telefonata al 112 dei Carabinieri di Poggibonsi, con la quale venivamo informati che nei pressi della loc. Montarrenti, nel Comune di Sovicille, era stato notato un incendio boschivo. La segnalazione ci perveniva dalla Sindaca di Chiusdino Luciana Bartaletti che si trovava a passare casualmente da quei luoghi». Questo si legge sulla nota stampa inviata alla redazione dal Capitano dei Carabinieri Sergio Turini, Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Poggibonsi.

Immediatamente le squadre antincendio dei VVF e dell’Associazione Volontari “La Racchetta” di Sovicille sono state allertata, nonché i militari della Stazione Carabinieri di Chiusdino che hanno raggiunto tempestivamente i luoghi interessati dall’incendio. Giunti sul posto, è stato subito chiaro che ad appiccare il fuoco, in due punti distanti tra loro circa 200 metri, fosse una donna, notata dai militari mentre si allontanava e immediatamente fermata. Aveva con sé un comunissimo accendino.

«Questo tipo di reato - si legge sempre nel comunicato ufficiale - è compiuto quasi esclusivamente da uomini, la stessa non era in grado di giustificare la sua presenza in quel luogo e dopo alcune domande dirette ha ammesso di essere stata lei ad appiccare il fuoco in entrambi i punti».

La donna è S.A. cl.1959, residente a Sovicille, separata, giornalista iscritta all’Albo della Toscana. E' stata trasferita e tratta in arresto presso la Stazione Carabinieri di Chiusdino. L’incendio ha interessato una superficie di circa 80/100 ettari interamente boschiva, non vengono segnalati danni a persone o immobili. La piromane è stata posta agli arresti domiciliari cosi come disposto dalla Procura della Repubblica di Siena in attesa dell’udienza di convalida.

E’ opportuno segnalare che vaste zone boschive tra i Comuni di Radicondoli e Chiusdino sono state oggetto di incendi boschivi negli ultimi giorni, l’ultimo proprio domenica scorsa e ha visto l’impiego di numerose squadre di soccorso antincendio, anche attraverso l’ausilio di mezzi aerei. Dal Chianti alla Val d’Elsa passando dalla Val di Merse, in questo nell’ultimo mese l’impegno dell’Arma nel prevenire e reprimere azioni criminali quali gli incendi boschivi ha assunto un valore prioritario, al quale anche i Carabinieri Forestali hanno dato un contributo fondamentale. 

Pubblicato il 11 agosto 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su