La via Francigena in Valdelsa: appuntamento con la storia, percorsi a piedi e a cavallo

Itinerari da percorrere a piedi, sulle due ruote e a cavallo. Spettacoli e animazione teatrale all'aperto, alla scoperta di luoghi e borghi incantevoli

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Itinerari da percorrere a piedi, sulle "due ruote" e a cavallo. Spettacoli e animazione teatrale all'aperto, alla scoperta di luoghi e borghi incantevoli. Dimostrazioni di falconeria e giochi medioevali, come gli "scacchi viventi". Questo il biglietto da visita de "La via Francigena in Valdelsa. Tra paesaggio e storia" che da venerdì 6 a domenica 8 ottobre si svolgerà a Castelfiorentino (FI), con epicentro la piccola frazione collinare di Castelnuovo d'Elsa.

La via Francigena e la sua storia

Un viaggio nel passato, per conoscere e quasi toccare con mano l’atmosfera che si respirava all’epoca. Un progetto pensato per le nuove generazioni, ma anche per quanti desiderano saperne di più sull’antico tracciato: i possibili itinerari, la vita quotidiana dei pellegrini, la figura di Ser Grazia di Castelnuovo, committente dei preziosi affreschi di Benozzo Gozzoli.

“Via Francigena. La vera storia” è uno dei temi clou di sabato 7 ottobre, attraverso due iniziative (una al mattino, l’altra nel pomeriggio) che richiameranno rispettivamente decine di studenti e persone interessate ad approfondire alcuni aspetti meno noti della Francigena in Valdelsa, un “territorio-strada” che ha assunto nel corso dei secoli caratteristiche diverse.

Agli studenti della scuole medie è dedicata la lezione-spettacolo in programma al mattino (“A scuola sulla Francigena” – ore 10.30, Pieve di Coiano) dove sarà illustrato il tracciato descritto da Sigerico nel 990 d.c., conosciuto come il “tracciato ufficiale” della Via Francigena, per poi allargare il tema ai sentieri alternativi percorsi dai pellegrini a seconda delle mutevoli condizioni ambientali e morfologiche del territorio interessato. Nella seconda parte, la lezione si soffermerà quindi su alcuni aspetti legati al costume e alla vita quotidiana dei pellegrini (ad esempio il cibo) con la partecipazione di alcuni figuranti. Coordina l’iniziativa Francesca Allegri.

Nel pomeriggio (ore 16.00 – Chiesa di Santa Barbara) convegno  sul “Mecenatismo di Ser Grazia di Castelnuovo, Benozzo Gozzoli e Paolo Schiavo”. Interverranno Silvano Mori su “La figura di Ser Grazia da Castelnuovo”, Annamaria Bernacchioni su “L’opera di Paolo Schiavo a Castelnuovo”, e Silvano Caciolli su “Il piacere della carne e il pellegrinaggio”. Introduce e coordina Massimo Tosi. Al termine delle relazioni, merenda con degustazione di cibi medioevali (a cura di Marco Nebbiai).

Le due iniziative sono organizzate in collaborazione con l’associazione teatrale Gat e la Società Storica della Valdelsa.

Percorsi a piedi, su percorsi “gravel” e a cavallo

Escursioni con vari livelli di difficoltà: a piedi, sulle “due ruote” e a cavallo. Sulle tracce di Sigerico, alla scoperta dell’antico tracciato che durante il Medioevo veniva attraversato dai pellegrini per raggiungere Roma, capitale della cristianità. E’ questo il principale motivo di interesse che ogni anno induce migliaia di turisti, italiani e stranieri, a percorrere l’antica Via Francigena, e che in questo fine settimana vedrà protagonista la Valdelsa attraverso un nutrito calendario di iniziative, in modo da rispondere alle esigenze e alle “abilità” di tutti.

Al tema della Via Francigena “accessibile”, con un progetto di inclusione in grado di coinvolgere anche chi finora se ne era sentito escluso, è dedicato il percorso di domani pomeriggio (ore 15.00 – ritrovo al Museo Be.Go.) escursione nel tratto di fondovalle animato da alcune performances teatrali dei ragazzi dei centri diurni. All’iniziativa sono stati invitati tutti gli alunni delle scuole primarie di Castelfiorentino. Per quanti desiderano abbinare la camminata alla conoscenza del patrimonio artistico un itinerario ad hoc è “Sulle orme di Benozzo Gozzoli, Cosimo Rosselli, Neri di Bicci” in programma sabato pomeriggio (ore 14.30 – ritrovo al Museo Be.Go., gratuito), che dal Museo castellano – dove è prevista una visita guidata dei famosi affreschi - accompagnerà i partecipanti lungo il tracciato di fondovalle, passando da Santa Maria a lungotuono fino alla Cappella di Madonna della Tosse, recentemente restaurata che ospita ancora le sinopie. Previsti alcuni interventi teatrali. Possibilità di car sharing (info: 320.3177388). In serata, itinerario al tramonto alla scoperta dei punti panoramici piiu belli (ore 18.00 – ritrovo in Piazza Santa Barbara, quota di partecipazione: € 5,00).

Domenica 8 ottobre tre proposte per gli escursionisti che preferiscono muoversi di buon mattino: “Sulle tracce di Sigerico, da San Genesio a Coiano” (ore 8.00 – ritrovo alla Cappellina di San Genesio), percorso collinare fino a Campriano e alla Pieve di Coiano, con animazione teatrale;  “Da Sigerico ai sentieri dei partigiani” (ore 8.00 – ritrovo alla Pieve di Coiano, itinerario facile) che passando per il Vallese proseguirà verso Collepatti, il Castellare e Poggio Carlotta (percorso gratuito – info: 335.7298025); “Sulle tracce di Sigerico, da Castelfiorentino a Coiano” (ore 8.30 – ritrovo Ostello “Locanda d’Elsa”, gratuito) che dal fondovalle si ricollegherà al tracciato di Sigerico fino alla Pieve di Coiano (info:  328.4136156). Al termine della camminata, tutti i gruppi si ritroveranno a Coiano (ore 12.00) per assistere a un primo spettacolo di “Falconeria” e il pranzo alla “mensa del pellegrino” (menù tipico € 15,00 euro da prenotare al momento dell’iscrizione).

Percorrere la Via Francigena in bicicletta con telaio e postura da strada, ma con ruote da sterrato; questo il programma di “Gravel Francigena Valdelsa – 1 edizione”, che propone due itinerari: breve (52 km) e lungo (90 km); entrambi partiranno dall’Ostello per poi ricongiungersi a Castelnuovo d’Elsa (costo di iscrizione: 10 euro, info: 349.1430471). Infine, il cavallo. La manifestazione prevede – sempre domenica – il ritrovo alle 8.30 presso il Maneggio “I butteri di Broccolino”, punto dal quale si potrà percorrere un itinerario di straordinaria bellezza lungo il crinale collinare della Valdelsa. Sia i partecipanti dei percorsi “Gravel” che quelli a cavallo potranno prenotare il pranzo alla mensa del pellegrino al momento dell’iscrizione.

Si ricorda che – dopo la “Notte teatrale” del sabato – domenica 8 ottobre Castelnuovo d’Elsa si trasformerà in un “Borgo in festa”. Già dal mattino un mercato di prodotti tipici animerà le vie del borgo, mentre nel pomeriggio  sono previsti giochi medioevali, esibizioni di falconeria, scacchi viventi, spettacoli teatrali.

Le escursioni (a piedi, in bici “gravel”, a cavallo) sono organizzate in collaborazione con: Toscana Hiking Experience, gruppo Spak, Polisportiva I’Giglio sezione trekking, “Comunità Castellana per il Ciclismo popolare - Simoncini Telai”, “100 miglia” ASD di Colle di Val d’Elsa, Associazione “I Butteri delle valli di Broccolino”, Gat teatro, TeatroCastello, Pro Loco Castelfiorentino, Fondazione Teatro del Popolo, Museo Be.Go., Misericordia, RAV, Prociv Arci, Circolo Arci e Comitato festaiolo Castelnuovo d’Elsa.

Per informazioni: www.comune.castelfiorentino.fi.it, dove è possibile scaricare il programma completo.

Pubblicato il 5 ottobre 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su