Muore all'età di 87 anni il mitico attore toscano Novello Novelli

Nato nel 1930 nella città valdelsana, è arrivato di fronte alla macchina da presa solo a 50 anni, dopo il diploma da geometra e piccole apparizioni in teatri di provincia. Impossibile non ricordarlo nella fumosa sala da biliardo di Io, Chiara e lo Scuro, o nella Firenze di Ad ovest di Paperino. Per non parlare di Caruso Paskoski di padre polacco, Benvenuti in casa Gori e Cari Fottutissimi Amici, che lo consacrano nell'olimpo dei grandi comici toscani. Ha anche interpretato alcune parti per il piccolo schermo ne I Cesaroni, Un Posto tranquillo, Questa casa non è un albergo

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

E' scomparso all'età di 87 anni Novello Novelli (Novellantonio all'anagrafe), il grande attore poggibonsese che per molti ha rappresentato l'icona del cinema realista degli ultimi anni del Novecento. Figlio di quella comicità divenuta popolare soprattutto tra gli anni Ottanta e il 2000, ha sempre interpretato ruoli da gustoso caratterista, lavorando con Alessandro Benventi, Francesco Nuti, Athina Cenci, Ornella Muti, Renato Pozzetto, Alessandro Haber, Leonardo Pieraccioni, Massimo Ceccherini e Alessandro Paci. 

Nato nel 1930 nella città valdelsana, è arrivato di fronte alla macchina da presa solo a 50 anni, dopo il diploma da geometra e piccole apparizioni in teatri di provincia. Impossibile non ricordarlo nella fumosa sala da biliardo di Io, Chiara e lo Scuro, o nella Firenze di Ad ovest di Paperino. Per non parlare di Caruso Paskoski di padre polacco, Benvenuti in casa Gori e Cari Fottutissimi Amici, che lo consacrano nell'olimpo dei grandi comici toscani. Ha anche interpretato alcune parti per il piccolo schermo ne I Cesaroni, Un Posto tranquillo, Questa casa non è un albergo.

È stato uno dei soci fondatori della Fondazione dei Maledetti Toscani, oltre che allenatore dell’omonima squadra di calcio. Da anni era ricoverato in una casa di riposo.

 

 

Qui in alcune delle sue scene più famose:

Ciao Novello, "bucotorto" come ti ha già detto qualcuno. Ci rimarrà sempre il rimpianto di non averti mai intervistato.

Pubblicato il 10 gennaio 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su