Partito il progetto di restauro della Madonna di Vico d'Elsa

Un tabernacolo rinascimentale, un pezzo di Valdelsa segreto, insolito e poco noto, da salvare con gli occhi e la sensibilità di un intero paese. Effettuati i primi campionamenti, ha preso il via il progetto di restauro, autorizzato dalla Sovrintendenza, per riportare agli antichi splendori la Madonna di Vico d'Elsa, una delle rare testimonianze di figure mariane dipinte all'interno di nicchie murarie. Il tabernacolo si trova lungo via Piero Bartalini, nel cuore storico del borgo di Vico d'Elsa

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Un tabernacolo rinascimentale, un pezzo di Valdelsa segreto, insolito e poco noto, da salvare con gli occhi e la sensibilità di un intero paese. Effettuati i primi campionamenti, ha preso il via il progetto di restauro, autorizzato dalla Sovrintendenza, per riportare agli antichi splendori la Madonna di Vico d'Elsa, una delle rare testimonianze di figure mariane dipinte all'interno di nicchie murarie. Il tabernacolo si trova lungo via Piero Bartalini, nel cuore storico del borgo di Vico d'Elsa. 

Ad aver promosso il percorso di restauro sono le associazioni Pro Loco Barberino – Gruppo Archeologico Achu, Parrocchia di Vico, Giardino Sottovico, coro Voci di Vico, Consiglio di frazione in collaborazione e con il supporto del Comune.

Pubblicato il 16 febbraio 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su