Pista Verde, Insieme Poggibonsi propone di raddoppiare il percorso ciclopedonale

«La pista verde - spiega con una nota stampa - rappresenta anche un esempio di percorso arginale, un corridoio ecologico frequentato da molte specie di animali che possono diventare una attrattiva educativa per i cittadini più piccoli. Il progetto potrà coinvolgere l’Università di Siena per uno studio della fauna e della flora lungo il torrente, andando a sviluppare l’attuale progetto dell'Ecomuseo Val d’Elsa. Il progetto deve coinvolgere tutti gli Enti interessati a partire dal Consorzio di Bonifica»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

La lista civica Insieme Poggibonsi interviene sulla pista verde per chiedere al Sindaco di raddoppiare il percorso lungo gli argini dello Staggia e destinare quest’area a parco urbano cittadino.

«La nostra lista civica - spiegano Francesco Michelotti e Simone De Santi con una nota stampaha presentato una mozione in Consiglio per impegnare la Giunta Bussagli a investire maggiori risorse nella pista verde, un percorso di argine che rappresenta il vero Parco Urbano per tutti i cittadini di Poggibonsi. Abbiamo denunciato più volte lo stato di degrado del suo asfalto, le staccionate spesso rotte e l’erba alta. Vogliamo che il Sindaco Bussagli investa in un progetto di vera rigenerazione urbana lungo il torrente Staggia, con il raddoppio della pista verde su ambo i lati, con il suo prolungamento oltre lo stadio Lotti, con l’incremento del percorso vita per le attività sportive e la divisione tra spazi per i pedoni e spazi per le biciclette».

«La pista verde - aggiungono - rappresenta anche un esempio di percorso arginale, un corridoio ecologico frequentato da molte specie di animali che possono diventare una attrattiva educativa per i cittadini più piccoli. Il progetto potrà coinvolgere l’Università di Siena per uno studio della fauna e della flora lungo il torrente, andando a sviluppare l’attuale progetto dell’Ecomuseo Val d’Elsa. Il progetto deve coinvolgere tutti gli Enti interessati a partire dal Consorzio di Bonifica che dovrà in primo luogo intervenire sugli argini del torrente Staggia che oggi presentano più frane lungo le sponde con interventi di rinaturalizzazione mediante rimpianti di vegetazione arborea ed arbustiva compatibili con la sicurezza idraulica degli argini: Frassini, Pioppi bianchi, Aceri campestri e altre specie».

«Un progetto - conclude la nota - che deve raccogliere una idea buona della precedente Amministrazioni per svilupparla e dare un ampio spazio verde lungo un corso d’acqua già molto frequentato da tutti i cittadini, un progetto di vera rigenerazione urbana a servizio di tutti i poggibonsesi, un polmone verde oggi trascurato da questa Amministrazione che pensa a rifare marciapiedi e venderli come importanti opere di rigenerazione urbana».

Pubblicato il 20 ottobre 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su