Poggibonsi, il Comitato Piazza Mazzini non si arrende: «L'Amministrazione si contraddice»

«Se i Cedri sono sovradimensionati, si possono contenere con la potatura. Il verde del nuovo progetto è debole. L’albero più significativo (gingko) impiegherà 30 anni prima di potersi definire tale. Buona parte dei rimanenti alberi (peri e frassini angustifolia) hanno vita breve (i peri durano max 25 anni) ed essendo specie fastigiate producono pochissima ombra. Si dice che il progetto faccia un restyling della piazza e non poteva tenere conto dei Cedri? Dubitiamo inoltre che vengano soddisfatti i requisiti minimi ambientali climatici (CAM)»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

«Dopo la petizione on-line lanciata a luglio, ci eravamo sentiti rispondere, a mezzo stampa, che gli alberi in P.zza Mazzini erano "belli ma troppo grandi, vecchi e malati". Apprendiamo che, dopo la nostra valutazione sulla salute degli alberi, in assenza a tutt'oggi di una perizia fatta fare dal comune e dopo le 400 firme raccolte lo scorso fine settimana adesso le motivazioni addotte dall'amministrazione, si riducono e si contraddicono. Anche se il sindaco li suppone come vecchi, dei Cedri di 60 anni sono giovanissimi rispetto alla loro aspettativa di vita». 

A dirlo è il Comitato Piazza Mazzini Poggibonsi, che con una nota stampa aggiunge: «Se i Cedri sono sovradimensionati, si possono contenere con la potatura. Il verde del nuovo progetto è debole. L’albero più significativo (gingko) impiegherà 30 anni prima di potersi definire tale. Buona parte dei rimanenti alberi (peri e frassini angustifolia) hanno vita breve (i peri durano max 25 anni) ed essendo specie fastigiate producono pochissima ombra. Si dice che il progetto faccia un restyling della piazza e non poteva tenere conto dei Cedri? Dubitiamo inoltre che vengano soddisfatti i requisiti minimi ambientali climatici (CAM), gli alberi scelti hanno infatti scarso potere abbattente delle polveri sottili (anche perché tutti a foglia caduca e quindi nel periodo novembre – aprile sono senza foglie) scarso assorbimento CO2, scarso potere ombreggiante Proponiamo al Sindaco di far verificare quanto sopra da tecnici ambientali esperti e chiediamo di modificare il progetto tenendo conto della presenza dei Cedri piantati in onore ai caduti (simbolo di immortalità e longevità) e del motivo per cui sono stati piantati nella piazza; a sua volta simbolo di rinascita dopo la seconda guerra mondiale». 

«I cedri sono alberi monumentali e da salvaguardare come recita l' art. 7 della legge n. 10 del 14 gennaio 2013. Si parla tanto di luogo di socializzazione e subito dopo si sostiene che P.zza Mazzini non è un parco ma un luogo con strade e parcheggi, motivo per cui converrebbe lasciare i cedri al loro posto...insomma, fino ad adesso, contraddizioni e nessun rispetto per la memoria storica di Poggibonsi. Sabato 7 e Domenica 8 ottobre dalle 10 alle 19 il Comitato sarà in P.zza Berlinguer per proseguire la raccolta firme e darà, ai cittadini che lo vorranno, la possibilità di esprimere dei suggerimenti sul progetto attaccando dei cartellini ad una pianta. La nostra è una associazione spontanea di cittadini che opera in difesa dell'ambiente e del senso civico. Diffidiamo persone che hanno connotazioni politiche ad utilizzare il nostro percorso per farsi conoscere e creare confusione, il comitato è apartitico! È possibile contattare il comitato per informazioni, supporto e nuove adesioni all' indirizzo e-mail comitatopiazza.poggibonsi@gmail.com o sul gruppo Facebook Comitato Piazza Mazzini Poggibonsi».

Pubblicato il 5 ottobre 2017 (modifica il 5 ottobre 2017 | 10:11 )

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su