Poggibonsi ricorda Riccardo Francovich, archeologo e innovatore

Francovich è stato uno dei più grandi archeologi di sempre, un grande innovatore, una grandissima personalità. Insieme al suo allievo Marco Valenti ha gettato le linee fondamentali per il recupero della Fortezza

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

"Riccardo Francovich a Poggibonsi: archeologo e innovatore". Con questo titolo si svolgerà sabato 7 ottobre a partire dalle 17.30 al Cassero della Fortezza Medicea di Poggio Imperiale una iniziativa dedicata ad un archeologo fortemente legato alla città di Poggibonsi. Riccardo Francovich è stato uno dei più grandi archeologi di sempre, un grande innovatore, una grandissima personalità. Insieme al suo allievo Marco Valenti ha gettato le linee fondamentali per il recupero della Fortezza e per ricostruire, scavando, la storia di Poggibonsi. «Un importante studioso che ha svolto un ruolo fondamentale nella crescita culturale e scientifica di tutta la città - dice il Sindaco David Bussagli -. Con la sua attività legata all'Università di Siena ha riconsegnato alla storia della città un bene prezioso e importante come il Parco Archeologico e soprattutto ha contribuito ad avviare un percorso che è decollato e che sta ancora producendo importanti risultati. Giusto ricordarlo, giusto farlo nel luogo a lui dedicato e che lui stesso ha contribuito a far nascere».

L'evento si svolgerà presso la Sala Francovich dove il professore verrà ricordato dal sindaco di Poggibonsi David Bussagli, da Dario Ceccherini e da Marco Valenti. L'appuntamento sarà anche l'occasione per vedere la mostra a lui dedicata all'interno del centro di documentazione e per fare il punto sulla campagna di scavi, ancora in corso, nella Fortezza.

L'evento prenderà il via alle 17.30 con i saluti. Alle 18 Dario Ceccherini approfondirà "La figura di Riccardo Francovich a Poggibonsi" e alle 18.30 Marco Valenti parlerà de "Lo scavo di Poggibonsi: i primi due mesi". A seguire visita alla mostra.

Pubblicato il 4 ottobre 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su