Premio Airo, mille euro per il progetto di ottimizzazione dei trasporti sanitari

Premio in denaro pari a mille euro è stato assegnato a un lavoro riguardante l'ottimizzazione dei trasporti sanitari di pazienti (dal titolo originale "A multi-depot dial-a-ride problem with heterogeneous vehicles and compatibility constraints in healthcare") a firma di Paolo Detti, Francesco Papalini, Garazi Zabalo Manrique de Lara del dipartimento di ingegneria dell'informazione e scienze matematiche dell'Università degli studi di Siena che da alcuni anni collabora con l'Asl 11 su varie tematiche di ricerca legate al miglioramento di servizi in sanità

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

All'associazione Astro sarà devoluta a breve la somma di mille euro, ottenuta con la vincita del "premio Airo 2015: Ricerca operativa per il sociale". 

Il premio rappresenta un importante riconoscimento al lavoro svolto da un gruppo di ricercatori universitari il cui dipartimento di appartenenza ha stretto un'intensa e proficua attività di collaborazione con i professionisti dell'Asl 11, e il cui valore aggiunto si è tradotto in una donazione a scopo solidale a favore Astro, fondata nel 2003.

Astro, nella persona del suo presidente Paolo Scardigli e dei suoi numerosi volontari, ringrazia sentitamente della donazione che andrà ad aggiungersi ai continui e costanti contributi di quanti rendono possibile la realizzazione delle sue molteplici attività dedicate all'assistenza oncologica.

Per avere informazioni sull'associazione e sulle attività che promuove, ma anche per ricevere utili consigli per affrontare la patologia oncologica, è possibile rivolgersi ai volontari di Astro (tel. 346 6276826, e-mail info@donnediastro.netwww.donnediastro.net), presenti tutti i venerdì, dalle ore 17.30 alle ore 19.00, nei locali del Centro Donna, nell'ospedale "San Giuseppe" in via Boccaccio a Empoli (primo piano, blocco C, stanza 114).

Pubblicato il 23 settembre 2015

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su