Quindicenne di Barberino si butta dal primo piano del Liceo Volta di Colle. Varie versioni sul perché

«La ragazza parla ed è lucida - ci dice al telefono il preside prof. Luca Guerranti che è stato a trovarla - ovviamente non ricorda nulla dell'accaduto. La campanella della prima ora non era suonata, ma abbiamo fatto comunque entrare i ragazzi per non lasciarli fuori al freddo e alla pioggia nell'attesa. Ecco perché non c'era nessun insegnante in aula quando è avvenuto il fattaccio»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Questa mattina, quando ancora non era suonata la campanella della prima ora, una ragazza di 15 anni si è buttata dal primo piano del Liceo Alessandro Volta di Colle di Val d'Elsa. La giovane, di Barberino Val d'Elsa, che frequenta l'indirizzo sportivo dell'Istituto colligiano, ha contratto numerose fratture, ma non è in pericolo di vita. E' stata immediatamente trasportata all'Ospedale Le Scotte di Siena, dove il preside prof. Luca Guerranti è stato a trovarla. «La ragazza parla ed è lucida - ci dice al telefono - ovviamente non ricorda nulla dell'accaduto. La campanella della prima ora non era suonata, ma abbiamo fatto comunque entrare i ragazzi per non lasciarli fuori al freddo e alla pioggia nell'attesa. Ecco perché non c'era nessun insegnante in aula quando è avvenuto il fattaccio».

Sulle motivazioni che possono aver spinto la quindicenne a un simile gesto ci sono versioni discordanti. Voci di corridoio l'attribuiscono alla rottura col fidanzato; altri al fatto che veniva bullizzata perché di colore; altri ancora alludono a problemi personali e familiari. Qualunque sia il movente, su cui i Carabinieri stanno indagando, resta certo il fatto che non si è trattato di un incidente, ma di un gesto volontario che nasconde sicuramente un disagio profondo che non va trascurato.

Quest'episodio non può in parte che riportare alla mente quello che è successo a Poggibonsi, con esito ben diverso purtroppo, lo scorso settembre (Leggi l'articolo). Secondo i dati riportati quello stesso mese da La Stampa, il suicidio è la seconda causa di morte tra i giovani sotto i 20 anni. Forse molti non sanno che in quasi tutti i comuni della Val d'Elsa ragazzi e famiglie possono approfittare del servizio di ascolto e aiuto offerto dal Consultorio (clicca qui per vedere l'elenco dei consultori in provincia di Siena). Dal febbraio del 2012 è stata aperta su Facebook anche una pagina che si chiama Consultorio Adolescenti Siena, gestita da operatori esperti che con post, immagini e domande, portano avanti da anni il loro impegno per creare occasioni di informazione e riflessione sui temi oggetto d'intervento consultoriale per i più giovani. In molti ne hanno usufruito per scrivere messaggi direttamente al Consultorio su informazioni e anche su brevi consulenze.

Pubblicato il 31 gennaio 2017 (modifica il 1 febbraio 2017 | 16:15 )

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su