Radicondoli, domato incendio nella giornata di ieri

La prossima settimana Rossi visiterà il Centro regionale di addestramento AIB di Monticiano, la sede attivata dalla Regione dove ogni anno sono addestrati circa 1.100 operatori che arrivano dall'Italia e dall'estero: «Si tratta di un centro di grandissima qualità – ha proseguito il presidente - che ci ha permesso di far fronte alla complessità del momento e che potenzieremo»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Nel primo pomeriggio di ieri un incendio boschivo si è sviluppato nel comune di Radicondoli. Le squadre della VAB Valdelsa, anche con un'autobotte, immediatamente attivate dal COP Siena, sono arrivate in breve tempo sul luogo dell'incendio che stava minacciando un'azienda e una centrale elettrica. Sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Poggibonsi, le squadre Racchetta, l'Anpas, CSN, 3 elicotteri (EliSiena,EliMassa,EliFirenze), un canadair, Carabinieri, Polizia municipale, tecnici della Pineta, Unione dei comuni di Val di Merse con i DO, Sindaco di Radicondoli. L'incendio è stato fermato dopo poche ore, ma sorvegliato fino alla sera.

«Il sistema dell'antincendio della Toscana ha dimostrato di funzionare. Tuttavia può essere migliorato e a questo si lavorerà nei prossimi mesi». Lo ha annunciato il presidente Enrico Rossi in Consiglio regionale durante la quale ha fatto il punto sulla grave situazione degli incendi e soprattutto quella verificatasi negli ultimi giorni. Nel mese di luglio il confronto con le medie degli ultimi 5 anni aiuta a capire la straordinarietà del momento.

Alla data del 20 luglio risultavano 164 incendi boschivi che hanno percorso circa 650 ettari In pratica nei primi 20 giorni di luglio si è avuto circa il doppio di eventi e il triplo di ettari di superficie percorsa dal fuoco mediamente nell'intero mese.

La prossima settimana Rossi visiterà il Centro regionale di addestramento AIB di Monticiano, la sede attivata dalla Regione dove ogni anno sono addestrati circa 1.100 operatori che arrivano dall'Italia e dall'estero: «Si tratta di un centro di grandissima qualità – ha proseguito il presidente - che ci ha permesso di far fronte alla complessità del momento e che potenzieremo».

I dati 

Nel 2017 gli incendi boschivi in Regione Toscana stanno facendo registrare un andamento particolarmente grave, paragonabile alla situazione del 2003 e 2012. Nei primi 6 mesi dell'anno si sono verificati 303 incendi boschivi, a fronte di una media quinquennale di 115, che hanno percorso circa 350 ettari rispetto alla media di 130 ettari. Ii dati relativi al mese di giugno si rilevano 101 incendi boschivi, contro una media quinquennale di 17, che hanno percorso quest'anno in giugno circa 60 ettari, rispetto alla media di 5 ettari.

Anche per il mese di luglio il confronto con le medie degli ultimi 5 anni aiuta a capire la straordinarietà del momento. In pratica nei primi 20 giorni del mese di luglio abbiamo avuto circa il doppio di eventi e il triplo di ettari di superficie percorsa dal fuoco mediamente nell'intero mese. Infatti le medie quinquennali riferite a luglio riportano 88 incendi boschivi e 200 ha di superficie percorsa. Rilevante è anche il dato della superficie di vegetazione non boschiva percorsa dal fuoco alla data del 20.07.2017: circa 1500 ettari. Sempre nello stesso periodo inoltre l'Organizzazione Regionale AIB è intervenuta a supporto dei Vigili del Fuoco nello spegnimento di circa 169 incendi di vegetazione.

Pubblicato il 25 luglio 2017 (modifica il 26 luglio 2017 | 16:19 )

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su