Riccardo Gabellieri presenta a Pievescola “L’essenziale”, la sua prima raccolta di poesie

Leggendo queste poesie è possibile un viaggio nel tempo, alla scoperta di una Pievescola e di un territorio diverso da come lo si vive ora. Le piccole cose hanno il ruolo principale

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Domani, venerdì 16 giugno, alle ore 21.30, presso il Centro Polivalente di Pievescola, si terrà la presentazione de L’Essenziale, la prima raccolta di poesie di Riccardo Gabellieri. 

L'opera riunisce tutti quei pensieri che l'autore ha "buttato su carta" dal 1998 ad oggi. Versi che rivelano una persona estremamente sensibile e attenta ai particolari, “ai gettoni delle cose che ci circondano”, come fossero scambio di percezioni dal singolo al generale. 

Le sue parole raccontano di quella campagna senese (Pievescola), in un’area piuttosto isolata della provincia, zona rurale e di semplici costumi, caratterizzata dalla presenza della Pieve romanica, ma soprattutto di una rete di relazioni che si fanno concrete nelle sagre, nel gruppo calcistico locale, nei passatempi tipici del mondo rurale, da un fascino senza tempo. Un contesto “puro” che si scontra con l’avvento della modernità: le fabbriche che “si fanno largo tra la campagna / esibendo facciate farcite di insegne / e rifiniture senza futuro”; il denaro che “trasformi i brutti in belli / divori il tempo libero / alteri gli animi […]”.

Leggendo queste poesie è possibile un viaggio nel tempo, alla scoperta di una Pievescola e di un territorio diverso da come lo si vive ora. Le piccole cose hanno il ruolo principale: le pinete, i temporali improvvisi e violenti che rompono le torride estati, il cicaleccio degli insetti estivi, l’elogio delle lucciole… ma anche i suoi libri e i ritratti delle persone.

Oltre all’autore, interverranno Piero Pii, sindaco di Casole d’Elsa, Alessandra Fortini e l’editore Luca Betti. 

Pubblicato il 15 giugno 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su