San Gimignano, si perde nel bosco ma per fortuna viene ritrovata dai Carabinieri

Si moltiplicano i casi di persone che si perdono nei boschi alla ricerca di funghi. Si tratta in genere di anziani che smarriscono la strada del rientro. Sinora si sono evitate le conseguenze più spiacevoli grazie al contributo degli organi istituzionali deputati alla ricerca e al salvataggio di chi si trova in tali difficoltà. Tuttavia anche una sole notte all'addiaccio può essere fatale laddove dovessero calare le temperature. E' quello che sarebbe potuto succedere alla donna avventuratasi ieri nel bosco e scomparsa intorno alle ore 16.50 a San Gimignano

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Si moltiplicano i casi di persone che si perdono nei boschi alla ricerca di funghi. Si tratta in genere di anziani che smarriscono la strada del rientro. Sinora si sono evitate le conseguenze più spiacevoli grazie al contributo degli organi istituzionali deputati alla ricerca e al salvataggio di chi si trova in tali difficoltà. Tuttavia anche una sole notte all'addiaccio può essere fatale laddove dovessero calare le temperature. E' quello che sarebbe potuto succedere alla donna avventuratasi ieri nel bosco e scomparsa intorno alle ore 16.50 a San Gimignano. I Carabinieri della locale stazione sono riusciti a ritrovarla per fortuna dopo due ore circa in buono stato di salute.

Un caso simile, anche questo a lieto fine, si era verificato una settimana fa sulla Montagnola Senese (Leggi: Madre e figlia di 65 e 90 anni si perdono nel bosco della Montagnola. Rintracciate dalla Polizia).

I militari hanno poi diffuso le norme di comportamento da tenere per chi decide di dedicarsi alla ricerca dei funghi:

- farlo esclusivamente di mattina, in maniera da evitare di essere colti dal buio nel momento in cui si ricerchi la strada del rientro e per dare inoltre modo  a chi effettui le ricerche di poter meglio operare;
- non andare da soli per boschi ma in compagnia di altre persone;
- battere zone conosciute e non perdere mai i punti di riferimento;
- non calarsi negli avvallamenti e negli impluvi dove normalmente la vegetazione diviene fittissima e diventa complicato poter avanzare;
- considerare le proprie condizioni fisiche prima di azzardare lunghi percorsi;
- portare con se un telefono cellulare ben carico per poter dare indicazioni ai soccorritori e per essere eventualmente localizzati;
- indossare indumenti dai colori vivaci che facilitino la localizzazione visiva;
- portare con se uno zaino con acqua, cibo e indumenti pesanti per trascorrere una notte all'aperto nella peggiore delle ipotesi.

Pubblicato il 26 ottobre 2016

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su