Scuole in visita alla biblioteca Pieraccini di Poggibonsi, piccoli lettori crescono

«Sono già altre le visite in programma - annuncia l'assessore alla Cultura -. Un modo per valorizzare i servizi presenti, per farli conoscere e per rafforzare il legame della biblioteca con la scuola e con gli studenti. In tal senso le visite guidate si collocano nel percorso che ci ha visto anche di recente inaugurare nuovi spazi proprio adatti ad una determinata fascia di età e più in generale a tutta la progettualità che coinvolge la nostra biblioteca». Già in programma per il mese di marzo le visite della scuola d'infanzia Arcobaleno (il 5) e della scuola d'infanzia di Castellina Scalo (il 12 marzo)

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Ripartite alla grande le visite guidate in biblioteca per le scuole di ogni ordine e grado. Nei giorni scorsi si è svolta la prima visita del 2018 che ha visto impegnati a scoprire servizi e spazi della biblioteca comunale Gaetano Pieraccini alunni e insegnanti delle classi 3 A e 3 B della scuola primaria Bernabei di Staggia Senese.

«Sono già altre le visite in programma - annuncia l'assessore alla Cultura -. Un modo per valorizzare i servizi presenti, per farli conoscere e per rafforzare il legame della biblioteca con la scuola e con gli studenti. In tal senso le visite guidate si collocano nel percorso che ci ha visto anche di recente inaugurare nuovi spazi proprio adatti ad una determinata fascia di età e più in generale a tutta la progettualità che coinvolge la nostra biblioteca». Già in programma per il mese di marzo le visite della scuola d'infanzia Arcobaleno (il 5) e della scuola d'infanzia di Castellina Scalo (il 12 marzo).

Le classi in visita infatti vengono accompagnate nella conoscenza della biblioteca attraverso un percorso nato appositamente per loro, messo a punto dall'Ufficio Cultura sulla base del progetto biblioteconomico che ha guidato e guida ogni scelta legata alla biblioteca. Si chiama "La biblioteca si racconta" ed è un percorso che inizia dalla grande Carta d'Identità simbolica che campeggia al bancone dell'accoglienza. La Carta d'Identità è una presentazione 'umanizzata' della biblioteca per far conoscere in maniera diversa i servizi offerti, gli spazi a disposizione, le opportunità presenti. E' il primo step del progetto, si chiama 'Mi presento' e traccia il percorso. Il secondo step ci introduce 'Verso la conoscenza del libro e degli spazi', momento in cui vengono proposte ai visitatori domande, aneddoti, curiosità, per introdurre le nozioni minime ad utilizzare i servizi offerti, conoscere gli strumenti e le modalità di ricerca a disposizione nonché gli spazi. Per gli studenti di materne ed elementari viene organizzata una caccia al tesoro in modo da consentire ai bambini di trovare il libro attraverso vari indizi utili a conoscere gli spazi funzionali della biblioteca. Il terzo step porta i visitatori a scoprire i materiali multimediali che costituiscono la sezione dedicata al fantasy e alla creatività.

«Cura e qualità - dice Nicola Berti - per valorizzare l'aspetto sociale e formativo della biblioteca che vogliamo sia sempre di più luogo di incontro e di crescita per gli utenti e per tutta la nostra comunità».

Pubblicato il 17 gennaio 2018 (modifica il 17 gennaio 2018 | 13:24 )

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su