Servizi educativi, nuovo bando per l'anno scolastico in corso a Colle

L'obiettivo dell'amministrazione regionale è quello di promuovere e sostenere nel territorio della Toscana l'offerta di servizi educativi per la prima infanzia (bambini di 3-36 mesi di età) anche per l'anno educativo 2017-2018 (settembre 2017-agosto 2018), investendo risorse pubbliche, per oltre 8,8 milioni di euro, su servizi di educazione ed accoglienza per l'infanzia di qualità e di tipo universalistico, a favore dei nuclei familiari con minori, anche al fine di favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

La Regione ha emanato un bando rivolto ai Comuni della Toscana per sostenere la gestione, diretta e indiretta, dei servizi educativi e per l'acquisto di posti bambino presso strutture educative accreditate, a favore di bambini di 3-36 mesi di età. Il Comune di Colle di Val d'Elsa ha aderito al bando per l'azione 1 A - gestione diretta dei servizi e la Regione Toscana ha stanziato delle risorse in favore dei cittadini colligiani che potranno richiedere la partecipazione al bando.

L'obiettivo dell'amministrazione regionale è quello di promuovere e sostenere nel territorio della Toscana l'offerta di servizi educativi per la prima infanzia (bambini di 3-36 mesi di età) anche per l'anno educativo 2017-2018 (settembre 2017-agosto 2018), investendo risorse pubbliche, per oltre 8,8  milioni di euro, su servizi di educazione ed accoglienza per l'infanzia di qualità e di tipo universalistico, a favore dei nuclei familiari con minori, anche al fine di favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Con il Decreto Dirigenziale n. 12605 del 31/8/2017 sono stati assegnati 11,5 milioni di euro in favore di 178 amministrazioni comunali, che entro il 7 ottobre 2017 dovranno trasmettere il progetto definitivo con l'indicazione delle modalità di utilizzo delle risorse regionali. Possono presentare i progetti con richiesta di contributi i Comuni della Toscana, singolarmente o tramite esercizio associato svolto mediante Unione di Comuni, ossia mediante Convenzione di cui all'articolo 20 della legge regionale n. 68/2011 "Norme sul sistema delle autonomie locali". 

Si ricorda che l'esercizio associato è dimostrato laddove l'ente che assume la responsabilità dell'esercizio associato gestisce tutti i procedimenti, attività e servizi relativi ai servizi educativi per la prima infanzia. In tal caso l'amministrazione tenuta alla presentazione della richiesta di contributi è l'ente che assume la responsabilità dell'esercizio associato. Info sul portale dell'amministrazione comunale www.comune.collevaldelsa.it

Pubblicato il 2 ottobre 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su