Sr 68, l'assessore Moschi: «Nessun finanziamento per la Volterra-Colle»

«Nell'intesa generale quadro tra il Governo e la Regione viene citata espressamente la SR 68 e la legge del finanziamento è la 276 del 2003 che puntualmente viene finanziata ogni anno con la Finanziaria. Purtroppo è servita a finanziare tutte le opere dell'elenco eccetto la Volterra-Colle Val d'Elsa. Peraltro nell'accordo quadro tra lo Stato e la Regione Toscana del 2011 la strada è prevista ma temo che qualcuno se ne stia scordando. Chiedo ufficialmente una rinnovata attenzione, anche in memoria del Senatore Matteoli che a questa arteria ha dedicato molta attenzione ed energie»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

«Nell'elenco di buone notizie pervenute dal Cipe alla Regione Toscana manca la SR 68 che presto passerà sotto Anas. Bene l'adeguamento dell'Aurelia, benissimo la bretella di Piombino: ma non capisco perché ancora una volta si faccia passare in cavalleria la SR 68». A sottolinearlo è Paolo Moschi, assessore alla viabilità del Comune di Volterra che evidenzia come «in Consiglio Regionale si sono a più riprese mosse molte voci a favore di questa arteria, visto che finalmente se ne è compresa la strategicità».

«Nell'intesa generale quadro tra il Governo e la Regione viene citata espressamente la SR 68 e la legge del finanziamento è la 276 del 2003 che puntualmente viene finanziata ogni anno con la Finanziaria. Purtroppo è servita a finanziare tutte le opere dell'elenco eccetto la Volterra-Colle Val d'Elsa.  Peraltro nell'accordo quadro tra lo Stato e la Regione Toscana del 2011 la strada è prevista ma temo che qualcuno se ne stia scordando. Chiedo ufficialmente una rinnovata attenzione, anche in memoria del Senatore Matteoli che a questa arteria ha dedicato molta attenzione ed energie. Chiediamo – conclude Moschi pari dignità per il nostro territorio, che spesso viene dimenticato in favore di aree elettoralmente più appetibili».

Pubblicato il 27 dicembre 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su