“Sul Bussino”, a Colle di Val d'Elsa un progetto sperimentale: una nuova figura professionale per la lotta al bullismo

Sempre più all’attenzione dei media e degli operatori qualificati arrivano episodi di bullismo e di disagio fin dalla più tenera età. Alla luce di questi allarmi sociali l’Amministrazione Comunale di Colle di Val d'Elsa intende creare occasioni di prevenzione e valutazione di questi fenomeni

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Sempre più all’attenzione dei media e degli operatori qualificati arrivano episodi di bullismo e di disagio fin dalla più tenera età. Alla luce di questi allarmi sociali l’Amministrazione Comunale di Colle di Val d'Elsa intende creare occasioni di prevenzione e valutazione di questi fenomeni. 

Il progetto “Sul Bussino” è finalizzato all'inclusione sociale ed alla lotta al bullismo in tutte le sue forme. Il progetto sperimentale cerca di creare contesti “sereni” e processi di inserimento inclusivo tra gli studenti delle scuole dell’infanzia e delle primarie prevenendo episodi di prepotenze e di bullismo, a partire dal momento pre-scuola e post-scuola. 

Inoltre particolare attenzione va posta agli alunni della Scuola secondaria di primo grado, fase della “vita scolastica” in cui sempre di più si verificano anche fenomeni di dispersione scolastica. A tal fine l'amministrazione comunale vuole potenziare una crescita sociale e un approccio ai problemi comportamentali di tipo “empatico”, il cui fine è promuovere una riflessione sulle dinamiche relazionali, sui segnali di disagio, sullo star bene insieme a scuola. L’idea innovativa è utilizzare un approccio destrutturato al problema e servirsi dei cosiddetti servizi di supporto (trasporto scolastico) come occasione formativa e di analisi del contesto e non come un puro e neutrale “servizio a domanda individuale”. 

A tale proposito l’idea è quella di inserire all’interno del servizio di trasporto una figura innovativa e sperimentale che non sia solo un accompagnatore, ma che svolga un servizio di prevenzione e segnalazione del disagio. Tali nuove figure si confronteranno con riunioni periodiche con le scuole, con il servizio istruzione e con i servizi sociali al fine di affrontare le problematiche emerse e fare azioni di contrasto concertate. 

Per il nuovo anno scolastico al fine di valutare questa “innovazione” si ritiene che per caratteristiche, modi e tempi, tali figure possano essere reclutate attraverso un bando per lo svolgimento di lavoro occasionale di tipo accessorio (Voucher). Le persone interessate dovranno presentare domanda presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Colle di Val d’Elsa, Via Campana, 18, al quale è possibile chiedere le dovute informazioni, (dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 13 martedì e giovedì dalle 15 alle 18) entro le ore 13 di venerdì 4 novembre 2016, allegando tutta la documentazione richiesta.

Pubblicato il 24 ottobre 2016 (modifica il 25 ottobre 2016 | 15:00 )

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su