Triathlon, campionati italiani "no draft" in agrodolce per l'OlimpiaColle

Non si ferma il “carrozzone” del Triathlon, che domenica 9 luglio ha visto circa 1.300 atleti sfidarsi sui campi gara di Iseo (BS) in occasione dei Campionati Italiani di Triathlon per categoria “no draft”, ossia con divieto di scia nella frazione ciclistica, svoltisi su distanza Olimpica (1.500 mt. nuoto, 40 km ciclismo e 10 km podismo)

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Non si ferma il “carrozzone” del Triathlon, che domenica 9 luglio ha visto circa 1.300 atleti sfidarsi sui campi gara di Iseo (BS) in occasione dei Campionati Italiani di Triathlon per categoria “no draft”, ossia con divieto di scia nella frazione ciclistica, svoltisi su distanza Olimpica (1.500 mt. nuoto, 40 km ciclismo e 10 km podismo). 

Buona prova per Federico Alvino, che dopo l’ottimo stato di forma palesato nelle ultime competizioni, ha mostrato continuità di rendimento e risultati fornendo una prestazione equilibrata che gli è valsa la 158ma posizione assoluta e la 34ma di categoria S3 con il tempo di 2h32’48”. 

Gara, invece, sfortunatissima per Giuseppe Anatriello che ha corso un grandissimo rischio, Suo malgrado, quando al 29mo km della frazione ciclistica, quando si trovava in terza posizione di categoria e tra i primi assoluti ha visto letteralmente esplodere il tubolare della ruota anteriore e, contemporaneamente, bucarsi quello della ruota posteriore, mentre impegnava una discesa ad alta velocità. Grande spavento per l’atleta colligiano che riportava solo danni alla propria due ruote. Un vero peccato visto l’andamento della gara e l’ottima prova fornita nella frazione di nuoto che lo aveva visto uscire primo della propria categoria dallo specchio d’acqua del lago di Iseo. Un incidente che pone grossi interrogativi e che deve far riflettere sulle modalità di organizzazione di competizioni anche molto importanti come quella di Iseo, sulla scelta dei percorsi, sullo stato e la manutenzione delle sedi stradali e sulla sicurezza per gli atleti.

Una trasferta dolce amara per la compagine Colligiana ed i propri partners commerciali (Studio Sampieri di Monteriggioni/SI, La Terrazza del Chiostro di Pienza/SI, AgriturIschieto di Rapolano Terme/SI e Bar Il Manganelli di Siena), che non hanno, comunque, voluto far mancare il proprio plauso e sostegno a tutto lo staff dirigenziale ed al comparto atleti dell’OlimpiaColle Fun S. Triathlon.

Pubblicato il 11 luglio 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su