Truffe agli anziani, un incontro pubblico per capire come difendersi

Obiettivo dell’incontro è quello di coinvolgere il maggior numero di cittadini attraverso il confronto diretto, le domande del pubblico e lo scambio di opinioni. Nonostante Acque Spa non perda occasione per ricordare ai cittadini in generale che i propri incaricati non effettuano mai sopralluoghi di alcun genere all’interno delle abitazioni, il gestore idrico del Basso Valdarno ha deciso di fare uno sforzo ulteriore per sensibilizzare gli utenti e renderli maggiormente consapevoli

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Si presentano alla porta di casa fingendosi addetti del gestore idrico o di altre aziende che erogano servizi pubblici. A quel punto, con un pretesto o una banale scusa, approfittando della buona fede del proprietario, cercano di farsi consegnare contanti o beni di valore. Dietro ai modi gentili si nasconde però una truffa, che colpisce il più delle volte persone anziane. E’ questo in linea di massima il modus operandi di un fenomeno che si verifica soprattutto durante i mesi estivi, e che Acque Spa intende contrastare attraverso una vigorosa campagna informativa, da realizzarsi anche attraverso un ciclo di incontri aperti alla partecipazione di tutti i cittadini.

La prossima settimana la campagna di prevenzione farà tappa in Valdelsa, attraverso un incontro pubblico che si terrà all’Ostello della Gioventù di Castelfiorentino mercoledì 12 luglio, alle ore 18.00.

Organizzata da Acque Spa in collaborazione con il Comune di Castelfiorentino, il mondo del sindacato e dell’associazionismo (SPI CGIL, Fnp CISL, Uilp, Auser Filo d’Argento), alla serata interverranno Paola Bellini e Giancarlo Faenzi (rispettivamente dirigente del servizio clienti e vicepresidente di Acque Spa), Alessandro Tafi (Assessore Politiche Sociali Comune di Castelfiorentino), Nadia Meacci (segretaria dello SPI CGIL Castelfiorentino) e un rappresentante della Stazione di Carabinieri di Castelfiorentino. Coordinerà gli interventi il giornalista Massimo Marini.

Obiettivo dell’incontro è quello di coinvolgere il maggior numero di cittadini attraverso il confronto diretto, le domande del pubblico e lo scambio di opinioni. Nonostante Acque Spa non perda occasione per ricordare ai cittadini in generale che i propri incaricati non effettuano mai sopralluoghi di alcun genere all’interno delle abitazioni, il gestore idrico del Basso Valdarno ha deciso di fare uno sforzo ulteriore per sensibilizzare gli utenti e renderli maggiormente consapevoli di questo fenomeno malavitoso, tanto più odioso poiché solitamente perpetrato ai danni di persone sole e anziane.

Pubblicato il 6 luglio 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su