Turismo: Terre di Valdelsa ed Etruria Volterrana pronto a unire e valorizzare 12 Comuni

Il nuovo ambito unisce, per la prima volta, realtà limitrofe pronte a mettere in rete le loro specificità paesaggistiche, culturali ed enogastronomiche per valorizzare i territori in maniera unica e potenziare l'accoglienza turistica e la permanenza dei visitatori. La scelta strategica sostenuta dalla Regione Toscana attraverso l'istituzione dei ventotto ambiti omogenei punta, infatti, ad andare oltre le singole identità territoriali e a rafforzare l'attrattività e la promozione turistica unendo le forze, le eccellenze e le potenzialità delle diverse zone

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Un soggetto capace di rafforzare la sinergia di dodici amministrazioni comunali dell'area Valdelsa ed Etruria Volterrana nella promozione e nella valorizzazione dei territori, mettendo in rete le peculiarità e unendo le forze per obiettivi comuni. E' quello che rappresenta il nuovo ambito omogeneo Terre di Valdelsa e dell'Etruria Volterrana, fra i ventotto riconosciuti nei giorni scorsi dalla Regione Toscana insieme alle modifiche al Testo Unico sul Turismo. L'ambito, con Monteriggioni nel ruolo di capofila, comprende Casole d'Elsa, Castelnuovo Val di Cecina, Colle di Val d'Elsa, Montecatini Val di Cecina, Monteverdi Marittimo, Poggibonsi, Pomarance, Radicondoli, San Gimignano e Volterra.

Il nuovo ambito unisce, per la prima volta, realtà limitrofe pronte a mettere in rete le loro specificità paesaggistiche, culturali ed enogastronomiche per valorizzare i territori in maniera unica e potenziare l'accoglienza turistica e la permanenza dei visitatori. La scelta strategica sostenuta dalla Regione Toscana attraverso l'istituzione dei ventotto ambiti omogenei punta, infatti, ad andare oltre le singole identità territoriali e a rafforzare l'attrattività e la promozione turistica unendo le forze, le eccellenze e le potenzialità delle diverse zone. La definizione degli ambiti è frutto di un percorso di condivisione e confronto che ha unito tutti i Comuni toscani sull'importanza di fare sistema per crescere insieme e favorire competitività e ricadute positive sui singoli territori sotto l'aspetto economico, culturale e sociale.

Pubblicato il 17 maggio 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su