Via Francigena, domenica gran finale a Castelfiorentino con un borgo in festa

La piccola frazione di Castelnuovo d’Elsa rivivrà il fascino del Medioevo attraverso un intenso programma di eventi, a coronamento delle escursioni a piedi, su percorso gravel e a cavallo nella mattinata

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

L’antica tecnica di caccia con il falco. Gli scacchi viventi. I figuranti in costume d’epoca. Giochi di legno e di stoffa. Il mercato della “filiera corta” e l’“angolo del buongustaio”. Domenica 8 ottobre gran finale lungo la Via Francigena con un “borgo in festa”, che vedrà la piccola frazione collinare di Castelnuovo d’Elsa rivivere il fascino del Medioevo attraverso un intenso programma di eventi, a coronamento delle escursioni a piedi, su percorso “gravel” e a cavallo che si terranno nella mattinata.

Fin dalle ore 9.00, le vie del centro di Castelnuovo verranno letteralmente invase dal mercato dei prodotti tipici e a “filiera corta”, organizzato in collaborazione con le associazioni dei produttori, mentre le colonne di escursionisti, che seguiranno percorsi diversificati in base alla modalità prescelta (a piedi, su due ruote o a cavallo, con vari livelli di difficoltà) si daranno appuntamento a mezzogiorno alla Pieve di Coiano, una delle “soste” descritte da Sigerico nel suo diario. Qui è prevista una prima esibizione di falconeria, antica tecnica di caccia dalle origini quanto mai incerte, e che in Italia si fa risalire a Federico II. Dopodiché è in programma il pranzo alla “mensa del pellegrino” (prenotazioni 339.4716333 – costo 15 euro) con menù tipico toscano di quattro portate, tra cui la pasta con il delizioso “ragù alla castelnovina”.

Nel pomeriggio, dalle ore 15.00, inizieranno i “giochi medioevali” nelle vie del borgo, come il torneo di tiro alla fune, le tecniche di pesca, i giochi di legno e stoffa, alcune performances teatrali e le postazioni di posa in costume medioevale. Alle ore 16.00 (piazzale parcheggio via Roma) un appuntamento imperdibile: “Falconarius”, dove addestratori d’altri tempi faranno rivivere questa antica tecnica di caccia, accompagnata da lezioni didattiche e spiegazioni storico-scientifiche. Un’esibizione-spettacolo molto gradita anche ai bambini, con una esposizione di 8-9 rapaci (diurni e notturni).

Dalle ore 16.30, i più golosi potranno approfittare dell’”angolo del buongustaio”, mentre alle 17.30 tutti in Piazza Santa Barbara per gli “scacchi viventi”, una partita-spettacolo coreografica e divertente. Alle 18.30, e per chi se lo fosse perso la sera precedente, l’ultimo “omaggio a Pia De’ Tolomei”, la vicenda di una gentildonna misteriosamente uccisa dal marito che viene ricordata anche da Dante Alighieri nella sua “Divina Commedia”. Un giallo antico senza risposte, una storia drammatica e commovente.

Le iniziative della domenica (a parte le escursioni, per le quali si rinvia al programma generale) sono organizzate in collaborazione con Gat Teatro, Pro Loco Castelfiorentino, TeatroCastello, Circolo Arci e Comitato festaiolo di Castelnuovo d’Elsa, Associazioni di categoria e dei produttori agricoli, gruppo fotografico “Giglio Rosso”, Associazione Cetra, Associazione “Ca’ Stellare”, ASD Amanti della Pesca, Misericordia, RAV, Prociv Arci.

“La via Francigena in Valdelsa” è inserita nel programma del Festival europeo “Via Francigena Collective Project” 2017”, promosso dall’Associazione Europea delle Vie Francigene.

Per informazioni: www.comune.castelfiorentino.fi.it, dove è possibile scaricare il programma completo.

Pubblicato il 7 ottobre 2017 (modifica il 7 ottobre 2017 | 08:39 )

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Torna su