'Come scrivere una grande storia', seminario con Francesco Trento a Poggibonsi

Per quindici ore, spaziando tra letteratura e cinema, tra fiabe e mito sarà possibile apprendere come sono costruite e come si costruiscono grandi storie

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Francesco Trento, scrittore e sceneggiatore tra i più apprezzati in Italia, porta a Poggibonsi il suo seminario di scrittura "Come scrivere una grande storia". Un vero e proprio successo, con già venti tappe in Italia e che approda per la prima volta in Toscana. Il seminario si svolge nell'ambito del festival "E se...I periodi ipotetici" promosso dall'associazione La Scintilla, in un solo, intenso weekend, il 13 e il 14 ottobre, presso la sala Set del Politeama. Per quindici ore, spaziando tra letteratura e cinema, tra fiabe e mito sarà possibile apprendere come sono costruite e come si costruiscono grandi storie, come evitare gli stereotipi e come rielaborare con originalità gli archetipi narrativi, come trasformare una buona idea in un film o in un racconto che riesca a toccare corde universali, parlando al cuore e alla testa delle persone, senza accontentarsi di intrattenerle.

Il seminario si svolgerà dalle 10 alle 13.30 e dalle 15 alle 19. Il corso, a pagamento, è a numero chiuso e può essere prenotato inviando una mail a lascintilla.associazione@gmail.com o direttamente a scrivereunagrandestoria@gmail.com. Per iscriversi c'è tempo fino a giovedì 11 ottobre.

"Come scrivere una grande storia". Cosa accomuna film apparentemente diversissimi come Il Padrino, The Wrestler, Little Miss Sunshine, Veloce come il vento, Lo chiamavano Jeeg Robot, Il Gladiatore, La banda degli onesti, Quasi Amici, L'attimo fuggente, Pretty woman, Matrix, Fight Club, L'era glaciale, Ricomincio da capo, Her, Argo, Dallas Buyers Club, La pazza gioia, Avatar e mille altri grandi successi internazionali? Le dodici tappe del "viaggio dell'eroe", ovvero la struttura mitica alla base di quasi ogni grande narrazione. Sarà possibile imparare come guardare i film scomponendoli nei loro elementi strutturali, riconducendoli alle "tappe" individuate da Joseph Cambpell e poi da Chris Vogler, tappe che affondano le loro radici nei più antichi miti, e rimangono ancora oggi alla base di alcuni dei film di maggior successo e impatto. Sarà possibile scoprire il perché di tutto questo podismo nei minuti finali delle commedie romantiche (Woody Allen corre da Mariel Hemingway in Manhattan, Billy Crystal corre da Meg Ryan in Harry ti presento Sally, Hugh Grant corre da Julia Roberts in Notting Hill, Richard Gere corre da Julia Roberts in Pretty Woman, Brad Pitt corre per salvare Julia Roberts in The Mexican e insomma Julia Roberts di base sta lì e tutti si precipitano), che il Mentore non è solo un saggio buono dalla barba bianca, come Merlino o Gandalf o Obi Wan Kenobi, che i Doni Magici sono a volte classici ma possono anche essere assai strani. Ma soprattutto, in un solo weekend, attraverso l'esempio di grandi film e narrazioni di ogni parte del mondo, sarà possibile comprendere come scrivere storie importanti.

Francesco Trento, scrittore e sceneggiatore, ha pubblicato "Crazy for football - storia di una sfida davvero pazzesca" (Longanesi, 2017), "La guerra non era finita" (Laterza, 2014) e "Venti sigarette a Nassirya" (Einaudi, 2005), di cui ha scritto anche la sceneggiatura per il cinema ("20 sigarette", miglior film al Festival di Venezia 2010, sezione "Controcampo"). È autore di molti documentari, tra cui "Matti per il calcio", "Stessa spiaggia, stesso mare", "Crazy for football" (David di Donatello 2017) e la docufiction "Brothers in Army". Per 15 anni ha insegnato sceneggiatura cinematografica (allo IED, Istituto Europeo di Design e cultura, all'Università La Sapienza di Roma, alla scuola di cinema Officine Mattòli), dirigendo anche i corsi di Filmaker's magazine. Ha tenuto il suo seminario "Come si scrive una grande storia" in più di venti città italiane, annoverando tra i suoi studenti scrittori del calibro di Leonardo Patrignani, Francesco Gungui, Ilaria Beltramme, Walter Lazzarin.

Pubblicato il 2 ottobre 2018

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su