''Corri per la sclerosi multipla insieme a me'': la sfida sociale di Alessandro

Il paraciclista Cresti il prossimo giugno tenterà l'Everesting e vuole farlo insieme ad un'altra persona che ha la sua stessa malattia

 ALESSANDRO CRESTI
  • Condividi questo articolo:
  • j

“Ho deciso di fare questa mattata, un’impresa vera e propria: una battaglia di resistenza fisica per spingersi oltre i propri limiti fisici e psicologici, e nel mio caso, della malattia”. Sono le parole ad Agenziaimpress di Alessandro Cresti, 25enne di Sinalunga a cui nel 2015 hanno diagnosticato una sclerosi multipla. Una notizia che ti può rendere l’intera esistenza buia e senza speranze, ma lui ha deciso di vivere la vita al massimo senza rinunciarci. Ed è così che la sua ‘mattata’ consiste nello scalare l’Everest con i suoi 8848 metri percorrendolo in bicicletta tra le sue salite. L’appuntamento per questa impresa è fissata per il 5 giugno, un evento legato anche al sociale. Infatti Alessandro ha deciso di abbinare una raccolta fondi tramite la piattaforma ‘Go Fund Me’ per poter arrivare a mettere in sella, acquistando una bici, una persona affetta da sclerosi multipla come lui. La cifra da raggiungere è l’altezza del monte Everest, 8848 euro. Un progetto di solidarietà che ha già visto una donazione da parte di Banca Mediolanum di Montepulciano.

Alessandro, venuto a conoscenza della malattia, ha scelto la sua compagna di viaggio per questa battaglia, la sua bicicletta. Ha riscoperto la bici e ha cominciato a pedalare fino a ‘farne una seconda terapia’. Dopo le prime gare, i primi risultati a livello locale e poi regionale. Dopo essere entrato a fare parte di Obiettivo 3, il progetto di Alex Zanardi per apprendere e diffondere la pratica sportiva tra disabili, Alessandro ha fondato la Ride for SM. La sua squadra ciclistica dilettantistica ‘Corri per la sclerosi multipla’, affiliata alla Federazione ciclistica italiana. “Volevo che la mia esperienza potesse essere da esempio a tante altre persone che, come me, sono state colpite dalla malattia. E credo di esserci riuscito a raggiungere questo obiettivo, riuscendo a sensibilizzare sul tema del rapporto tra sclerosi multipla e sport”.

Gli obiettivi di Cresti con la bici non si limitano solo all’Everesting: l’11 aprile prenderà parte ai campionati italiani di paraciclismo a Marina di Massa. A giugno si allenerà sulla salita di Farnetella, vicino a Sinalunga, e proverà a omologare il record: fare 75 volte la salita nel corso di un giorno senza interruzioni.

Potrebbe interessarti anche: La colligiana Sofia Cornamusini a Bergamo nel periodo più duro della pandemia

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 30 marzo 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su