'Nonni e bambini si tengono per mano', a teatro il valore delle attività intergenerazionali

«Un progetto bello e qualificante - sostiene David Bussagli - per tutto il complesso dei servizi che la Valdelsa ha saputo costruire negli anni»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Nonni e bambini si tengono per mano è il titolo dello spettacolo in programma giovedì 6 giugno alle 17 presso il Teatro del Popolo di Colle di Val d'Elsa, organizzato dalla Scuola Primaria di Campiglia in collaborazione con la RSA Bottai e con il patrocinio del Comune di Colle di Val d’Elsa. Il programma si aprirà con i saluti istituzionali di David Bussagli, Presidente della Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa e il Dirigente scolastico Monica Martinucci. Seguiranno i cori e le poesie degli alunni della scuola colligiana e degli anziani ospiti della RSA, che celebreranno così il progetto di scambio che li ha coinvolti negli ultimi anni.

«Le attività intergenerazionali al di fuori del contesto familiare - afferma Romina Mora, Direttore dei Servizi Residenziali e Semiresidenziali della FTSA - sono un terreno per lo più inesplorato. Noi, grazie alla disponibilità delle strutture e del personale impiegato, abbiamo sondato questa possibilità e abbiamo cercato di costruire relazioni con i più piccoli attraverso l’organizzazione di attività comuni. Trascorrere del tempo insieme, dando sfogo alla propria creatività nel disegno, in cucina, nel gioco, ha permesso a bambini ed anziani di guardare con occhi nuovi la realtà, apprendendo gli uni dagli altri elementi importanti del rispettivo patrimonio di saperi e valori». 

«Un progetto bello e qualificante - sostiene David Bussagli - per tutto il complesso dei servizi che la Valdelsa ha saputo costruire negli anni. Attività che vanno mantenute e implementate con idee e progettualità come questa, che ricercano costantemente risposte mirate ad esigenze presenti. Creare spazi intergenerazionali è e sarà una priorità da sviluppare per una comunità, la nostra, che guarda all'inclusione come leva di crescita collettiva».

Pubblicato il 4 giugno 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su