'Poggibonsi ci sta a cuore': installato in via Senese un nuovo defibrillatore

All’inaugurazione di sabato era presente anche il sindaco di Poggibonsi David Bussagli, che nell’occasione ha detto: «Quello della cardioprotezione di Poggibonsi è un progetto che da diversi mesi ormai la Misericordia sta sviluppando per dotare la città di defibrillatori, nel caso ci sia bisogno; c’è sempre la speranza che queste apparecchiature siano messe per non essere utilizzate, però sono davvero dei veri e propri salva vita, quindi bene che si allarghi questo progetto e che veda la partecipazione anche di altre associazioni e realtà significative della città»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Poggibonsi ha un nuovo defibrillatore. E’ stato inaugurato in via Senese 105 sabato pomeriggio ed è parte dell’importante progetto di cardioprotezione “Poggibonsi ci sta a cuore” che la Misericordia poggibonsese porta avanti con il patrocinio dell’Amministrazione e, questa volta, con il contributo di Viola Club e Gruppo Fratres.

Lo scopo è quello di mettere a disposizione della cittadinanza di Poggibonsi importanti presidi salva-vita che, abbinati a specifici corsi di formazione per i cittadini, aiuteranno a salvare un maggior numero di vite dall’arresto cardiaco, oltre a diffondere a tutti la consapevolezza di poter aiutare gli altri e il senso di solidarietà.

«L’iniziativa è nata dal Viola Club di Poggibonsi – dice il Governatore della Misericordia Gianfranco Lorini – che ringrazio sentitamente. Al loro importante contributo economico si è aggiunto quello dei donatori di Sangue Fratres, e il nostro, curando poi tutta la parte logistica di installazione. Ancora una volta tutto questo ci permette di essere in prima linea per aiutare il prossimo; continueremo con l’installazione di nuovi defibrillatori e con i corsi di formazione per la cittadinanza».

I fondi sono stati raccolti durante l’annuale serata di beneficenza, organizzata lo scorso novembre dal Viola Club. «Continueremo con le nostre iniziative benefiche – commenta il presidente Paolo Manfredi -, perché oltre allo sport diamo un occhio anche al sociale e ai bisogni di Poggibonsi».

«I defibrillatori sono un’occasione in più per tutti per essere solidali e aiutare chi è nella sofferenza e in pericolo di vita – aggiunge Giovanni Forconi, presidente dei Donatori di Sangue Fratres di Poggibonsi -. Il gesto della donazione è una cosa molto importante, e anche questa è per noi una donazione, che permetterà di salvare delle vite, proprio come fanno i nostri donatori donando il loro sangue».

All’inaugurazione di sabato era presente anche il sindaco di Poggibonsi David Bussagli, che nell’occasione ha detto: «Quello della cardioprotezione di Poggibonsi è un progetto che da diversi mesi ormai la Misericordia sta sviluppando per dotare la città di defibrillatori, nel caso ci sia bisogno; c’è sempre la speranza che queste apparecchiature siano messe per non essere utilizzate, però sono davvero dei veri e propri salva vita, quindi bene che si allarghi questo progetto e che veda la partecipazione anche di altre associazioni e realtà significative della città».

«Oltre alle dotazioni di infrastrutture – conclude - serviranno poi anche volontari e cittadini formati: sono defibrillatori semiautomatici, però qualche manovra va fatta e quindi è importante che la cittadinanza sia partecipe di questo progetto e sia sollecitata a partecipare ai corsi di formazione che la Misericordia periodicamente organizza».

Tutti i cittadini che sono interessati a imparare le manovre salva vita, possono chiamare la misericordia per lasciare il proprio nominativo, oppure seguire periodicamente la pagina Facebook “Misericordia di Poggibonsi” o il sito www.misericordiapoggibonsi.org per sapere quando si svolgeranno i prossimi corsi.

Pubblicato il 19 febbraio 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su