'Sipario Aperto' prosegue con 'Andromaca', la tragedia per ridere di sé

Il mondo rappresentato, svuotato di presenze eccezionali, sembra ospitare solo uomini incapaci di decidere del proprio destino. L'iniziativa è organizzata in collaborazione con il Liceo A. Volta

 POGGIBONSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Prosegue a Poggibonsi "Sipario Aperto", la rassegna dedicata ai linguaggi contemporanei promossa dall’Associazione culturale Timbre e dall’Amministrazione comunale di Poggibonsi in collaborazione con Fondazione E.l.s.a. e l’Associazione La Scintilla di Poggibonsi. Il secondo appuntamento sarà venerdì prossimo, il 6 dicembre, alle ore 21.30 con Andromaca, un testo decisamente anomalo nella produzione di Euripide, della Compagnia Lombardi-Tiezzi/I Sacchi di Sabbia. L'iniziativa è organizzata in collaborazione con il Liceo A. Volta.

La trama

Il mondo rappresentato, svuotato di presenze eccezionali, sembra ospitare solo uomini incapaci di decidere del proprio destino. Non c'è alcun protagonista, né alcun dio, così come nessun "eroe tragico". Le speranze si alternano alle tragiche disillusioni, in una danza meccanica, così macabra e spietata da sembrare comica. Talmente assurda è quella spirale di orridi accadimenti in susseguirsi da suscitare una comicità quasi involontaria, qui esagerata e portata in risalto dalle interpretazioni degli attori. "Ridere, ridere, ridere sono le ultime parole del messaggero di Neottolemo, dopo aver raccontato le vicissitudine del suo padrone".

La rassegna si chiude con il New Wave fiorentino

A concludere la rassegna venerdì 10 gennaio alle ore 21.30 (Sala Set del Teatro Politeama) sarà “Anni in movimento - New Wave a Firenze”, un incontro, a ingresso libero, per raccontare la scena fiorentina degli anni 80, anni di grande fermento creativo in cui la musica e il teatro, ma anche il clubbing e la moda videro un’esplosione di creatività e rinnovamento.

Ne parleranno alcuni protagonisti dell’epoca, Bruno Casini, giornalista e scrittore che presenterà il suo libro dedicato all’argomento, Giancarlo Cauteruccio regista e attore della compagnia teatrale Krypton, che leggerà alcuni brani di Pier Vittorio Tondelli e Renzo Franchi batterista dei Litfiba.

Per informazioni e prenotazioni

info@timbreteatroverdi.it - www.timbreteatroverdi.it
Pagina Facebook: Timbre Poggibonsi

Pubblicato il 3 dicembre 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su