11 settembre: abbiamo chiesto si nostri lettori cosa stavano facendo durante l'attacco alle Torri Gemelle

Sono passati vent'anni dall'attacco alle Twin Tower. E nessuno di noi si scorderà mai cosa stava facendo in quel momento

 11 SETTEMBRE
  • Condividi questo articolo:
  • j

Sono passati 20 anni da quel martedì 11 settembre 2001 che ha cambiato il mondo. Le immagini dell’attacco alle Torri Gemelle, l’inaudita violenza vissuta in tutto il mondo con il fiato sospeso ha cambiato quello che sarebbe stato il futuro di tutti noi, imprimendo nella memoria dei ricordi indelebili di quello sciagurato martedì in cui in totale morirono 2.997 persone mentre l’America veniva colpita direttamente al cuore.

11 settembre 2001: vent’anni dopo l’attacco alle Torri gemelle

Tutti noi ci ricordiamo cosa stavamo facendo, anche chi era piccolo ha fissato nella memoria dove si trovasse o con chi fosse nel momento in cui arrivarono le prime notizie dell’attacco; molti videro cosa stava succedendo alle Torri Gemelle del World Trade  Center tramite la tv oppure tramite la radio mentre internet cominciò a non funzionare a causa probabilmente della mole di traffico ingestibile derivato da quella tragedia. Così abbiamo chiesto ai nostri lettori via Facebook se si ricordavano cosa stessero facendo in quegli attimi e la risposta  è stata sorprendente: una pioggia di commenti che, nonostante siano passati 20 anni, raffigurano alla perfezione lo stato d’animo della comunità durante quello che lì per lì sembrava l’inizio di una vera e propria guerra.

I ricordi dei nostri lettori

Ero in ufficio, l'ho saputo arrivando alla fermata del pullman da dei colleghi bancari che avevano visto la notizia in tv - scrive Gabry - per tutto il tragitto da Prato a Poggibonsi l'autista del pullman tenne la radio accesa mentre continuavano a giungere notizie. È stato terribile, quasi impossibile, un avvenimento troppo grande, spaventoso...e poi quelle immagini, che non dimenticheremo mai”. Facce incollate alla tv oppure momenti vissuti insieme a turisti americani che si trovavano in Italia per turismo, come nel caso di un nostro lettore che racconta: ‘’Ero a Piazzale Michelangelo a Firenze con un gruppo di turisti americani, visto che in quel periodo guidavo gli autobus turistici... Alla radio passarono la notizia, confusa e con pochi particolari. Quando il gruppo di americani salì sul bus lo dissi alla guida che li accompagnava e lei, anch'essa americana, rimase senza parole e cominciò a piangere. Durante il tragitto tra Firenze e Siena la guida decise di comunicare il tutto ai passeggeri e scoppiò il finimondo: chi piangeva, chi urlava ,chi pregava... Una scena che non dimenticherò mai.....poi chiusero gli aeroporti e cominciarono anche i problemi per il rimpatrio dei turisti... 20 anni ma sembra ieri”.

Inoltre, dobbiamo documentare anche lo sconforto e la tristezza di chi era stato da poco negli Stati Uniti e nel giro di poche ore ha visto cancellato un intero mondo che adesso non esiste più: ‘’Erano due settimane che ero stata sulle torri e quel giorno sono stata sempre attaccata alla TV. Per me è stato devastante” die Debora; oppure chi ha appreso la notizia mentre si trovava su di un aereo, come Sonia "Ero sull’aereo di ritorno dalle Maldive. Per un pelo non siamo rimasti là".

Altri, i più giovani, ricordano che in quel momento stavano guardando i cartoni animati mentre all’improvviso tutto si fermò per lasciare spazio alle edizioni speciali dei vari telegiornale. “Ero in piazza Nova a Poggibonsi con delle amiche... avevo neanche 13 anni - commenta silvia - Uscì di casa il Menti (i poggibonsesi sanno chi è) ed iniziò a gridare "stanno bombardando l'America!!!"... tornai a casa e rimasi incollata alla TV incredula!!!!

Per quanto riguarda me invece beh, ero a casa con mia nonna; avevo nove anni e stavo guardando i cartoni animati della Melevisione. Ad un tratto ricordo che sparì tutto e su tutti i canali iniziarono le dirette no-stop dei principali telegiornali italiani; Mentana, il tg1, Studio Aperto su Mediaset. Ero arrabbiato a tal punto che ‘’piantai’’ una bizza infinita. Nei mesi successivi odiai profondamente tutti i tg perchè mi avevano portato via quel pomeriggio di cartoni. 


Stefano Calvani

Foto in copertina: Wikipedia Commons UA Flight 175 hits WTC south tower 9-11.jpeg​

Potrebbe interessarti anche: Walter Vettori presenta il suo giallo ''Il caso Novotna''

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 11 settembre 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su