24 luglio 1944: Empoli ricorda l'eccidio anche con una pubblicazione

E’ stata pensata e realizzata una pubblicazione che racconta quei fatti proprio perché, come scrive il sindaco del Comune di Empoli, Brenda Barnini nella prefazione «Settantacinque anni iniziano ad essere tanti, con la scomparsa dei testimoni diretti di quegli anni e di quella strage si rischia anche di perdere una parte importante della memoria della nostra città: per questo abbiamo deciso di preparare questa semplice pubblicazione». La pubblicazione è scaricabile in pdf dal sito del Comune di Empoli

Empoli
  • Condividi questo articolo:
  • j

Settantacinque anni sono passati da quel tragico episodio che ferì profondamente la storia della comunità empolese, era il 24 luglio 1944 quando ventinove concittadini furono fucilati per rappresaglia dalle truppe naziste. Domani mattina, mercoledì 24 luglio 2019, si svolgeranno le celebrazioni commemorative a cui in serata seguirà la terza edizione di “Tutti in piedi!”, un omaggio alla loro Memoria cantando e suonando insieme. Non solo. E’ stata pensata e realizzata una pubblicazione che racconta quei fatti proprio perché, come scrive il sindaco del Comune di Empoli Brenda Barnini nella prefazione: «Settantacinque anni iniziano ad essere tanti, con la scomparsa dei  testimoni  diretti  di  quegli  anni  e  di  quella  strage  si  rischia  anche di perdere una parte importante della memoria della nostra città: per questo abbiamo deciso di preparare questa semplice  pubblicazione». La pubblicazione è scaricabile in pdf dal sito del Comune di Empoli al link https://www.empoli.gov.it/sites/default/files/2019-07/Pubblicazione%2024%20luglio_0.pdf e sarà anche distribuita domani mattina fino ad esaurimento delle copie.

«Sono   passati   esattamente   75   anni   - ha detto il sindaco Brenda Barnini - dall'uccisione dei 29 cittadini inermi da parte dell'esercito tedesco, avevano una età media di 51 anni e molti erano anziani o invalidi;  un'azione  criminale  che  segnò  nel  sangue  gli  ultimi  giorni del secondo conflitto mondiale per la nostra città. Settantacinque anni iniziano ad essere tanti, con la scomparsa dei  testimoni  diretti  di  quegli  anni  e  di  quella  strage  si  rischia  anche di perdere una parte importante della memoria della nostra città: per questo abbiamo deciso di preparare questa semplice  pubblicazione,  potete  leggere  tre  estratti  da  altrettante  pubblicazioni che trattano sia le vicende del 24 luglio 1944, fra tutte la testimonianza dell'unico sopravvissuto Arturo Passerotti, che la situazione della nostra zona nelle ultime settimane di guerra. Capire  la  condizione  dell'estate  1944,  con  il  passaggio  del  fronte, gli alleati a sud dell'Arno e le truppe tedesche e fasciste a  nord,  un  periodo  complicato  che  ha  lasciato  segni  profondi  anche  nel  nostro  centro  cittadino  (vennero  minati  dalle  truppe  tedesche  i  campanili  del  Duomo  e  degli  Agostiniani  e  la  porta  Pisana),  è  essenziale  per  comprendere  meglio  quanto  accad-de in quei terribili mesi di 75 anni fa. Per conoscer e per approfondire la storia Empolese, vi invito a sfruttare le  risorse disponibili  nel nostro  comune,  le  opere  qui  riportate ed indicate sono reperibili presso la biblioteca Comunale  “Renato  Fucini”  e  all'Archivio  storico  comunale,  un  patrimonio di valore inestimabile ed a disposizione di tutti».

Programma della commemorazione – Alle 10 di mercoledì 24 luglio nella Collegiata di Sant’Andrea, piazza Farinata degli Uberti, si celebrerà la santa messa a suffragio dei caduti. Dopo la santa messa, sarà deposta la corona alla lapide-ricordo in piazza XXIV Luglio dove sono scritti tutti i nomi delle vittime.

Tutti in piedi – In serata, sempre domani, alle 21.30 in Piazza XXIV Luglio, per ricordare, raccontare e cantare. Saranno distribuiti i testi e gli spartiti – e con la partecipazione della Banda, dell’Orchestra e del Coro del CAM, del Mirincoro e della Corale Santa Cecilia - tutti insieme, semplicemente, suoneranno e canteranno. Ecco alcune canzoni che sicuramente sono in scaletta: O Bella Ciao, Inno di Mameli, Fischia il Vento, Sandokan.

Viabilità – Per la commemorazione della mattina sono adottati i seguenti provvedimenti temporanei di viabilità: dalle 8 di mercoledì 24 luglio 2019 fino al termine della cerimonia, in Piazza XXIV Luglio, ambo i lati del tratto compreso tra Largo della Resistenza e Via dei Neri, è stabilito il Divieto di Sosta con rimozione coatta di tutti i veicoli; all’intersezione con Via Cavour, Divieto di Transito per il tempo strettamente necessario allo svolgimento della cerimonia. Nel pomeriggio e in serata, per la manifestazione ‘Tutti in piedi’, in tutta Piazza XXIV Luglio, ambo i lati del tratto compreso tra Via Cavour e Via Ferrucci, dalle 15.30 alle 24, è previsto il Divieto di Sosta con rimozione coatta di tutti i veicoli, e il Divieto di Transito per tutti i veicoli, eccetto gli autorizzati.

Nella foto un momento della celebrazione dello scorso anno

Pubblicato il 23 luglio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su