Vivaio Il Roseto

34 anni dalla scomparsa di Stefano Lotti, il ricordo di mister Uliano Vettori

Significativo e struggente è il grido che diventa invocazione: ''Stefano, uno di noi''

 STEFANO LOTTI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Significativo e struggente è il grido che diventa invocazione: "Stefano, uno di noi". E' il saluto che i ragazzi della gradinata rivolgono con calore fraterno a Stefano Lotti: il giovane lottatore di Madonna dell'Acqua che é rimasto nel cuore della città e ne fa parte integrante della storia sportiva e umana.

Si dice che il tempo è galantuomo perché nel suo trascorrere ci fa rivivere, oltre a momenti difficili e negativi, bellissimi ricordi che riemergono incancellabili. La famiglia giallorossa, il 28 febbraio di ogni anno, non può fare a meno di stringersi in un commovente abbraccio ricordando il piccolo-grande alfiere che, con il suo comportamento battagliero, inteso nel senso più alto della parola, dimostrava con lealtà e spirito di sacrificio il suo attaccamento alla maglia e ai colori giallorossi. Quella maglia che non si é tolta di dosso perché deve continuare la sua corsa nei prati celesti insieme a Paolo e Moreno: ragazzi che hanno lasciato un indelebile ricordo di appartenenza alla storia giallorossa, e rimarranno sempre nel cuore di chi ha vissuto quel triste e luttuoso momento.

E se il tempo cavalca gli anni, noi tutti: Società Sportiva, Amministrazione Comunale, sportivi di ogni età, come ogni anno, ci raduniamo presso il Giardino di Stefano, all'interno dello stadio a lui intitolato, per non dimenticare questo legame fatto di ammirazione, amore e tristezza e che ci rende fieri e orgogliosi di quel ragazzo che i tifosi di ogni età, a voce altissima, ogni domenica, ricordano con infinita gioia: "Stefano, uno di noi".

Uliano Vettori 

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Il Poggibonsi sconfitto 2-0 dallo Sporting Club Trestina

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 28 febbraio 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su