73mo anniversario della Liberazione del Chianti, a Vico d'Elsa in ricordo di Leto Fratini

In occasione del settantatreesimo anniversario della Liberazione nei territori del Chianti e della Valdelsa ricordiamo il sacrificio di centinaia di vittime civili e militari, partigiani e antifascisti che combatterono e si opposero alla crudeltà nazifascista. La conquista della nostra libertà nasce anche dal coraggio dei soldati Maori che nel luglio del 1944 liberarono parte della Toscana dalle truppe tedesche. Oggi, lunedì 24 luglio alle ore 21.00, le celebrazioni proseguono al Circolo Mcl di Vico d'Elsa con la presentazione del progetto di ricerca “Leto Fratini: l'uomo, l'artista, l'antifascista"

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

In occasione del settantatreesimo anniversario della Liberazione nei territori del Chianti e della Valdelsa ricordiamo il sacrificio di centinaia di vittime civili e militari, partigiani e antifascisti che combatterono e si opposero alla crudeltà nazifascista. La conquista della nostra libertà nasce anche dal coraggio dei soldati Maori che nel luglio del 1944 liberarono parte della Toscana dalle truppe tedesche.

Oggi, lunedì 24 luglio alle ore 21.00, le celebrazioni proseguono al Circolo Mcl di Vico d'Elsa con la presentazione del progetto di ricerca dell'Unione Comunale del Chianti Fiorentino “Leto Fratini: l'uomo, l'artista, l'antifascista".

Sono previsti gli interventi di Giacomo Trentanovi, presidente Unione Comunale del Chianti Fiorentino, e Carmelo Albanese, ricercatore del progetto “Leto Fratini”.

Pubblicato il 24 luglio 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su