8 marzo: un premio a Claudia Sala, scienziata degli anticorpi monoclonali

La responsabile del Mad Lab di Tls è una delle Cinque donne della ''Toscana rosa, 5 donne per la ripartenza''

 CLAUDIA SALA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Il Consiglio regionale della Toscana, su proposta del presidente Antonio Mazzeo, festeggia la giornata dell’8 marzo premiando cinque giovani donne, tutte tra i 18 e i 40 anni, che si sono distinte nel campo della scienza e dello sport. “È un riconoscimento agli straordinari risultati che esse hanno raggiunto nel loro campo di attività che simbolicamente ci sembrava importante consegnare nella Giornata internazionale della donna e che vuole rappresentare una spinta per il momento della ripartenza post pandemia, che speriamo sia il più vicino possibile”, dichiara Mazzeo. L’iniziativa, intitolata “Toscana rosa, 5 donne per la ripartenza”, si svolgerà oggi lunedì 8 marzo alle 16 presso la sala Consiliare di palazzo del Pegaso (via Cavour, 4 – Firenze).
 
Saranno presenti, oltre il presidente Mazzeo, i vicepresidenti e i segretari dell’Ufficio di presidenza, Marco CasucciStefano ScaramelliFederica Fratoni e Diego Petrucci, e le cinque donne premiate: le scienziate Teresa Fornaro e Claudia Sala, la ricercatrice Elisa Volpi, e le sportive Ambra Sabatini e Chiara Sacco.
 
Sarà possibile seguire l’evento per via telematica: in diretta streaming sul sito istituzionale, sulla pagina Facebook e sul canale Youtube del Consiglio regionale.
 
Queste le cinque donne che saranno premiate:

 Teresa Fornaro, ricercatrice all'Inaf di Firenze, è l'unica italiana tra i tredici participating scientist della missione Mars 2020
 
Claudia Sala, responsabile del Mad Lab di Toscana Life Sciences, il suo gruppo di ricerca ha individuato e brevettato per primo in Italia gli anticorpi monoclonali per la cura dell’infezione da virus SARS-CoV-2.
 
Elisa Volpi, fiorentina, ricercatrice all'Università di Ginevra, vincitrice del premio internazionale Jean Blondel assegnato dall'European Consortium for Political Research (ECPR), un’associazione che riunisce le maggiori università e associazioni di studi politici in Europa, per la migliore tesi di dottorato in scienze politiche. Tesi realizzata con l’Istituto Universitario Europeo di Fiesole.
 
Ambra Sabatini, atleta, a 19 anni ha fatto il record del mondo sui 100 metri nella categoria T63, in cui gareggiano gli atleti che hanno subito l’amputazione sopra il ginocchio e parteciperà alle paralimpiadi di Tokyo.
 
Chiara Sacco, atleta (canotaggio), oltre ad avere ben 5 record del mondo nella disciplina indoor rowing e vari titoli di campionessa italiana, si è aggiudicata ben due ori sia nel doppio femminile con Federica Matteoli sia nel doppio mix uomo donna ai mondiali di canotaggio in Ungheria categoria master.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, sono 1.000 i nuovi casi in 24 ore

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 8 marzo 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su