Diba '70 shop San Gimignano

A Campostaggia un corso sulle tecniche innovative di isteroscopia

La giornata di formazione sulla filosofia del ''see and treat''

 POGGIBONSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Venerdì scorso, l’auditorium dell’ospedale di Campostaggia ha ospitato il corso di formazione dell’Asl Toscana sud es sull’isteroscopia office ambulatoriale “see and treat”. Questa è una tecnica endoscopica mininvasiva che permette la visualizzazione diretta della cavità uterina e, nel caso, l’immediato intervento sulla patologia riscontrata.

La giornata, coordinata dal direttore di Ginecologia e ostetricia del presidio valdelsano Massimo Gabbanini e dalla dottoressa Erika Ignacchiti, ha visto la partecipazione di molti professionisti del settore.

Grazie all'evoluzione dello strumentario con l'utilizzo di strumenti miniaturizzati, l’isteroscopia ha visto il sorgere di una nuova filosofia, la “see & treat hysteroscopy ”,vale a dire l’unione della diagnostica all’operatività in un singolo momento clinico. In questa prospettiva, qualora venga diagnosticata una patologia endocavitaria trattabile in regime ambulatoriale, è possibile procedere alla rimozione immediatamente, senza rimandare la paziente a un secondo intervento chirurgico in anestesia generale in sala operatoria.

E' una pratica chirurgica semplice, di breve durata e in genere priva di complicanze, si esegue a paziente sveglia, senza alcuna sedazione, con un minimo disconfort, ma con molteplici vantaggi per la paziente.

Questo approccio chirurgico miniinvasivo permette la risoluzione di circa il 90% della patologia uterina benigna intracavitaria di più frequente riscontro e spesso causa d'infertilità. L'approccio ambulatoriale ha inoltre ridotto significativamente le liste d'attesa per chirurgia maggiore in sala operatoria con una concomitante drastica riduzione dei costi di spesa sanitaria.

“Per quanto mi riguarda, è stato un piacere ospitare tanti professionisti del settore con cui condividere e aggiornarci  su un argomento così importante - dichiara il dottor Gabbanini - sono contento dell’ottima riuscita e ci impegneremo per creare sempre più occasioni di confronto come questa”.

“La giornata è stata un’ottima occasione di confronto tra esperti in materia, con elevato contenuto didattico formativo per chi si approccia alla metodica - conclude la dottoressa Ignacchiti - grazie al contributo di relatori di alto profilo che hanno fatto la storia dell'isteroscopia e fondato la SEGI (società di riferimento) italiana, sono venuti fuori, in un clima familiare e amichevole, numerosi spunti di riflessione e discussione. Sono orgogliosa e soddisfatta”.

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Nasce la rete della Cardiologia Interventistica struttural

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 23 maggio 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su