A Casole d'Elsa è tempo di Palio. Il programma della 144esima edizione

Gli sbandieratori, la corsa dei cavalli, la sfilata storica delle contrade, il nuovo progetto di riqualificazione della pista, lo spettacolo pirotecnico. Appuntamento domenica 8 luglio

  • Condividi questo articolo:
  • j

Domenica 8 luglio si terrà a Casole d'Elsa la 144esima edizione del Palio dedicato a Sant'Isidoro. Sei le contrade che si sfideranno nella corsa dei cavalli, famosa per avere un percorso tutto in salita, parte di una tradizione radicata e consolidata nella storia del territorio: Merlo (bianco-nero), Cavallano (verde), Rivellino (Rosso-nero), Pievalle (rosso-giallo), Monteguidi (bianco-giallo, vincitrice l'anno scorso) e Casole Campagna (arancione).

La storia

La manifestazione rievoca infatti l'usanza che si teneva nella campagna a metà Ottocento, ma che potrebbe avere un'origine ancora più remota, di cui però non si hanno testimonianze certe. Il Palio veniva disputato allora tra le più importanti tenute agricole, che rappresentavano in effetti tutto il paese. Negli anni Sessanta, a causa dello spopolamento delle campagne verso le città vicine, l'iniziativa si interruppe. Riprese nel 1976, con nuove contrade, poiché lo spirito della tradizione della festa non si era mai sopito.

Il programma 

Quest’anno il Palio si correrà domenica 8 luglio; durante la settimana saranno organizzati vari eventi. Venerdì 6, alle ore 21.00, presentazione del Drappellone, dipinto dagli artisti Sara e Nello Guerrini. I due pittori, padre e figlia, sono stati molto contenti di aver ricevuto l’incarico per la realizzazione del Palio di Casole d’Elsa, dopo aver iniziato a realizzare a quattro mani anche i cenci per il Palio di Sant’Anselmo Bomarzo (VT) e quello per il Palio dei Rioni di San Secondo Parmense (PR). 

«Il Cencio non è qualcosa soltanto di estetico - dicono i due artisti - ma è “raccontare una storia” di un paese e delle sue tradizione laico-religiose; deve rappresentare al meglio l’identità del paese, dei territori e delle proprie tradizioni. I cittadini e i contradaioli, guardandolo, dovrebbero potersi riconoscersi e sentirlo proprio».

Nell'occasione verrà inoltre presentato il progetto di riqualificazione globale della pista e dell’area di circa 4 ettari. «Sono previsti interventi di grande rilievo sia per la messa in sicurezza del percorso ma anche di sistemazione di tutta la zona che diventerà uno dei cuori pulsanti di Casole e del suo territorio», fa sapere l'Amministrazione con una nota stampa.

«La seconda rilevante novità - aggiunge - sarà la presenza, come teste di serie delle sei batterie, dei più importanti e qualificati fantini di Siena che hanno condiviso con il Comune e le Contrade il progetto di rilancio del Palio di Casole».

Il sabato mattina inizierà la parte agonistica della manifestazione con la disputa delle batterie di qualificazione che determineranno i cavalli che saranno assegnati a sorte alle contrade alle ore 12.00 in piazza della Libertà; la sera tradizionali cene nelle varie contrade. La domenica comincerà la grande festa con la Sfilata storica delle contrade, alle ore 11.00, la Santa Messa (ore 11.30). Nel pomeriggio, dalle 17.00, Corteo delle contrade e Assegnazione del Vessillo alla contrada che si distinguerà nell’esibizione degli sbandieratori e dei tamburini; la benedizione dei cavalli, alle 18.15 e verso le 19.00 sarà il momento della corsa del Palio. A seguire cena all’aperto in centro storico e spettacolo pirotecnico

Per informazioni

Museo Civico Archeologico e della Collegiata/Ufficio Turistico
Tel. 0577/948705
www.casole.it
e-mail: museo@casole.ituff_turistico@casole.it
facebook: Museo di Casole e Ufficio Turistico

Nelle foto le immagini della scorsa edizione

Pubblicato il 29 giugno 2018

  • Condividi questo articolo:
  • j