A Certaldo un incontro sulla Basilica della Natività

Don Pierfrancesco Amati, proposto di Certaldo, parlerà della Basilica dal punto di vista spirituale e racconterà il viaggio fatto con alcuni parrocchiani in Terrasanta

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Si avvicina il Natale e venerdì 21 dicembre alle ore 21 presso la Propositura di San Tommaso Apostolo in Piazza Boccaccio si terrà l’incontro dal titolo “La Basilica della Natività”, organizzato dal Comune di Certaldo e dalla Propositura di San Tommaso Apostolo. L’incontro verterà sul racconto del consolidamento e restauro dell’opera simbolo universale per la cristianità, la Basilica della Natività di Betlemme.

Don Pierfrancesco Amati, proposto di Certaldo, parlerà della Basilica dal punto di vista spirituale e racconterà il viaggio fatto con alcuni parrocchiani in Terrasanta.

All’incontro parteciperà Giammarco Piacenti della Piacenti spa, azienda toscana con sede a Prato, che da quasi 150 anni si occupa di restauri. La Piacenti vinse nel 2013, al termine di una gara internazionale, l’appalto per il restauro della Basilica bandito dall’Autorità Nazionale Palestinese. Un lavoro assai complesso ed articolato, che in questi anni ha visto viaggiare dall’Italia alla Terrasanta ben 48 container di materiali, 230 persone e 63 tra aziende, professionisti, ricercatori universitari. Piacenti racconterà dal punto di vista storico artistico la BAsilica ed i recenti lavori di restauro, con aneddoti come quello del ritrovamento, sotto l’intonaco, di un angelo, il settimo della basilica, facente parte di un ciclo di mosaici del 1167, ritrovamento la cui notizia fece letteralmente il giro del mondo.

Coordinerà l’incontro la giornalista Sara Bessi.

Pubblicato il 18 dicembre 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su