A passeggio verso la Fonte delle Fate

Nei pressi di San Lucchese e Poggio Imperiale, in un bel percorso adatto a chi ama il trekking, poco lontano dal centro città, si trova la Fonte di Vallepiatta detta anche Fonte delle Fate

 POGGIBONSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

E’ la maggiore testimonianza superstite dell'antico borgo di Poggio Bonizio, precedessore di Poggibonsi, edificata intorno alla seconda metà del 1200 la sua costruzione viene tradizionalmente attribuita a Balugano da Crema; ricoperta dalla terra di riporto e materiale di risulta dell’edificazione della Fortezza medicea di Poggio Imperiale nel 1484, è stata riportata alla luce nel 1803 e da allora aperta al pubblico; nel 2000 all'interno della fonte è stata collocata un'opera dell’artista Domenico Paladino, “i dormienti”.

 L'opera è composta da 25 sculture in bronzo, in origine colorate, poste nell'acqua come ricordo del liquido amniotico e per ricordare come ogni forma di vita tragga la sua origine dall'acqua. Realizzata interamente in travertino, la facciata è costituita da sei arcate doppie e si presenta con un portico, in parte è alimentata da una vasca che veniva usata per la raccolta delle acque.

Potrebbe interessarti anche: Due cortometraggi poggibonsesi unici della Toscana in finale al premio nazionale Cinefrutta

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 21 maggio 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti