A Poggibonsi diventa operativo “Una Scelta Comune”, progetto sulla donazione degli organi

Da lunedì 30 novembre sarà attivo nel comune di Poggibonsi il protocollo d'intesa fra i Comuni della provincia di Siena, AIDO e AUSL7 sulla donazione degli organi. Si tratta del progetto “Una Scelta Comune” che ha permesso di definire ed implementare le modalità operative per la raccolta e trasmissione della volontà dei cittadini in ordine alla donazione di organi e di impegnare l’amministrazione insieme all’Azienda sanitaria nella diffusione delle conoscenze in fatto di donazione di organi, tessuti e cellule

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Da lunedì 30 novembre sarà attivo nel comune di Poggibonsi il protocollo d'intesa fra i Comuni della provincia di Siena, AIDO e AUSL7 sulla donazione degli organi. Si tratta del progetto “Una Scelta Comune” che ha permesso di definire ed implementare le modalità operative per la raccolta e trasmissione della volontà dei cittadini in ordine alla donazione di organi e di impegnare l’amministrazione insieme all’Azienda sanitaria nella diffusione delle conoscenze in fatto di donazione di organi, tessuti e cellule.

«La donazione di organi è una scelta di grande valore civile e di maturità – dichiara l'Assessore alle Politiche Sociali Filomena Convertito – Ringrazio pertanto tutti coloro che hanno collaborato nella realizzazione del progetto e tutti i cittadini che si fermeranno a riflettere sulla possibilità, attraverso un semplice e gratuito gesto di solidarietà, di salvare vite umane».

I poggibonsesi, al momento del rilascio o rinnovo del documento di identità, potranno richiedere all’Urp il modulo per esprimere la propria volontà al consenso o al diniego sulla donazione di organi e tessuti. Le dichiarazioni di volontà saranno registrate direttamente in tempo reale nel SIT, Sistema Informativo Trapianti Nazionale. La manifestazione di volontà potrà essere cambiata in ogni momento anche presso gli uffici comunali.

«Poggibonsi ha firmato il protocollo insieme agli altri 36 comuni della provincia di Siena - prosegue Convertito - con lo scopo di dare al cittadino l'opportunità di esprimere la propria scelta su un tema molto delicato. La donazione rappresenta un atto di solidarietà verso chi non ha aspettative di vita e una scelta terapeutica capace di assicurare a chi è malato una migliore qualità di vita e una rinnovata aspettativa per una dignitosa esistenza».

Il consenso o diniego alla donazione di organi e tessuti può essere espresso anche presso gli appositi sportelli delle Aziende sanitarie; attraverso l’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule (Aido); con una dichiarazione in carta libera completa di tutti i dati personali, da conservare nel portafoglio; con il Tesserino Blu inviato dal Ministero della Salute nel 2000 e con le DonoCard delle associazioni di settore.

Pubblicato il 24 novembre 2015

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su